Utente 155XXX
Salve dottore,mio marito di 43 anni ,ha subito 3 anni fa ,un intervento di "ascesso retrocecale da appendicite acuta",risolto bene,ora l'anno scorso è stato rioperato di aderenze intestinali,anche queste risolte al meglio.Ultimamente ha avuto dei dolori all'altezza dell'ombelico,dolori che lui riconosce bene,e sono quelli delle aderenze dell'anno scorso! Ad oggi non ha più niente ma io temo che possano ritornare con più forza.C'è qualcosa che possiamo fare, tipo un esame,già da oggi,per accertarci che si tratti o meno di nuove aderenze,e se sì,si può fare qualcosa prima di ricorrere ad un nuovo intervento?La ringrazio per la sua disponibilità!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissima,

purtroppo non ci sono esami che possano indicare se si stanno formando delle aderenze, nè ci sono terapie utili ad eliminare tale pericolo. Bisogna solo orientarsi sui disturbi e capire se si è di nuovo di fronte a tale problematica.

Cordialmente