Utente 242XXX
Buon giorno
volevo sottoporre ai gentili dottori e specialisti il mio caso per avere un consulto in merito per me molto importante.
Ho 35 anni e Mi è stata diagnosticata in OS a seguito di DPV nel 2010 e dopo un paio di emorragie lievi endoculari, con grosso anello di weiss e corpi mobili secondari , una opacità del cristallino sottocapsulare posteriore.
Premetto che nell'occhio in questione è gia di per sè "disastrato" per un distacco retinico nel 1991 a seguito di un violento trauma cranico e operato con cerchiaggio a indentazione.Visus di 5/10.
Sono miope e operato di PRK nel 1992. Attualmente ho una miopia di -7,25 con 0,75 di astigmatismo.
Sotto richiesta del primario della divisione oculistica di Negrar (Verona) mi è stato suggerito una Vitrectomia 23g con intervento di facoemulsificazione con IOL monofocale.
Ora i miei quesiti sono questi :
- Come sarà la visione da "vicino" su soggetto miope come me in un occhio operato di cataratta e l'altro no?
- Sarebbe auspicabile un impianto di IOL multifocale o accomodativa nel mio caso ? e come sarà la visione dopo l'intervento?
- un'intervento di Chirurgia della cataratta con laser a femtosecondi sarebbe piu "preciso" e sicuro per ridurre i rischi di un intervento combinato alla vitrectomia anche se sutureless 23g?

grazie mille
Manuel
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, in un occhio già "disastrato" come dice lei, io sarei molto prudente nel consigliarle una vitrectomia ,se pure 23 G (mini invasiva), consideri che è un occhio già cerchiato e corre il rischio di attivare la base vitreale, ma non conoscendo il caso nel particolare il mio è un parere di carattere generale, viceversa se ha una cataratta sottocoppa, questa va asportata, l'utilizzo del femtolaser non riduce i rischi rispetto ad una faco tradizionale bene eseguita e non è assolutamente detto che sia più "preciso"e sicuro, ma questo è sempre il mio parere. Riguardo al tipo di lente da impiantare, non conosco la situazione refrattiva dell'occhio controlaterale, potrebbe lasciarlo un po miope cosa che favorirebbe la visione per vicino oppure impiantare una lente multifocale, questo lo lascerei al giudizio del suo chirurgo.

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Grazie molte Dottore per la cortese risposta.
Allora , non l'avevo scritto nel precedente messaggio ma la situazione dell'occhio dx "controlaterale" è quasi la medesima, ovvero corpi mobili piu lievi ed una miopia residua da intervento di PRK nel 1992 di 6,50 diottrie con 0,75 astigmatismo asse 180. Retina accollata e barrage laser periferico.
Il cristallino in quest'occhio ha anch'esso un opacizzazione sottocoppa posteriore però in maniera molto piu lieve.Il visus è di 8/10.
In futuro se l'opacizzazione del cristallino aumenta, sicuramente dovrò sottopormi al medesimo itervento come nell'occhio sx :(

Lei cosa ne pensa?sono 10 anni che soffro di corpi mobili , ho cercato di aspettare il piu possibile, ma se ho un principio di cataratta , che cosa mi consiglia di fare?e sopratutto per la scelta della IOL , io ho necessità di vedere bene sia da vicino , alle distanze intermedie (lavoro al computer) e sopratutto da lontano.

manuel
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Può vagliare con l'aiuto del suo chirurgo oculista la possibilità di impiantare delle lenti multifocali, potrebbe essere una buona soluzione.
cordialmente
[#4] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Dottore che ne pensa della Lentis MPLUS Toric bifocale?
Ho sentito parlarne molto bene, pochi aloni visibili la sera, ottima sensibilità al contrasto, tenga conto che ho una situazione preoperatoria di -7.25 D con -0,75 asse 180 già precedentemente trattato con PRK nel lontano 1992.
Grazie infinitamente e saluti.

manuel