Utente 105XXX
buongiorno, mia mamma di 75 anni senza mai problemi di iperetensione fino ad ora (anzi predisposozione a pressione bassa nel corso della sua vita 60/100 che si è un po' alzata fino a 70/130 - 75/130 con l'avanzare dell'età) si è sottoposta ad un importante intervento di implantologia nel corso del quale sotto sedazione endovenosa (il medico mi ha detto quella usata anche per la gastroscopia) le sono state tolte tutte le radici dei denti superiori ed inferiori e messi 4 impianti sopra e due sotto. le hanno fatto anche del cortisone in vena come antiinfiammatorio.
il post intervento sembra decvorrere senza problemi ma due giorni dopo, a metà mattina, lamenta l'impressione dell'ugola in gola ingrossata, ronzio alla testa, testa pesante. le misuriamo la pressione che risulta 99/197 con 85 di battito. dopo mezz'ora sembrava scendere, ma alzatasi dal divano si sente di nuovo male e la pressione risulta ancora alta.
trascorrono ancora due giorni in cui la pressione rimane alta.
i medici ( dentista e anestesista) spiegano che i farmaci usati dovrebbero essere stati ampiamente smaltiti.
il medico in pronto soccorso (dove le hanno fatto un cardiogramma risultato nella norma) attribuiscono al forte stress pre intervento che viene smaltito in questi giorni (ma mia mamma dopo l'intervento diceva di sentirsi bene e di essersi "tolta un peso", mentre nel mese precedente era davvero molto in ansia) e le prescrivono del lexotan.
E' possibile che il cortisone fatto in vena abbia avuto questo effetto a distanza di due giorni?
è possibile che sia davvero il suo corpo che sta smaltendo lo stress accumulato? ritiene che la concomitanza sia casuale?
grazie in anticipo
ps: attualmente sta solo prendendo augmentin prescritto per l'implantologia e il lexotan 10 gg 3 v al di

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
se sua madre ha vissuto, ed e' da ritenere che cosi' sia in effetti, l'intervento, in maniera decisamente stressante, l'aumento pressorio andra' a breve scemandosi. Se cosi' non fosse le consiglio di effettuare una visita cardiologica con gli eventuali aprrofondimenti del caso (ad. es. ecg + ecocardiogramma)
Saluti
[#2] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno,
la ringrazio per la risposta in tempi così rapidi.
questa mattina i valori erano sempre molto alti (109 min 190 max 130 pulsazioni).
a questo punto andremo da un cardiologo come lei ci consiglia.
grazie