Utente 481XXX
gentili dottori,
sono stato operato al testicolo per un tumore,prima di iniziare eventuali terapie vorrei rivolgermi ad un centro per la conservazione del seme.Ci potrebbero essere problemi visto che ho un solo testicolo?
Vorrei sapere qualche informazione in più sull'iter che devo seguire ed i costi che devo sostenere?
Io sono di Cosenza e in zona c'è solo un centro privato chiamato life lab, mi posso fidare?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
generalmente la crioconservazione viene fatta prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento ed in quella fase si controlla la qualità del liquido seminale prodotto . Se si riscontrano spermatozoi il tutto viene crioconservato. Per il centro da lei citato la cosa migliore è chiedere un parere al suo medico curante che sicuramente , meglio di noi, conosce la "realtà sociosanitaria" della zona in cui lei abita.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la scelta di dove depositare il proprio seme in previsione di una polichemioterapia che potrebbe disturbare la spermatogenesi residua dipende da molti fattori. La capacità tecnica di procedere alla crioconservazione ( abbastanza semplice) ed il fatto di continuare ad esistere nel tempo ( assolutamente certo per la struttura pubblica meno certo per alcune strutture private)
perchè, chiaramente, al paziente depositante interessa avere a disposizione il seme tra alcuni (?) anni.
E se il centro privato chiudesse ? Cosa succederà ai campioni crioconservati ? Si potrebbero ritire e depositare in altra struttura ?
Queste sono le domande da porre al centro in questione
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 481XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per i vostri consigli.
Vi vorrei chiedere un altro parere riguardo allo spermiogramma.mi hanno dato pareri sconfortanti.

Indagine macroscopica:
Volume:2ml; colore:trasparente; consistenza e viscosità:ridotta; fluidificazione:regolare; ph:8.

Conteggio degli elementi cellulari:
nunero nemaspermi(milioni/ml) :non determinabili
round cells:rari; elementi linea spermat.:rari; leucociti:rari;

Motilità spermatozooaria: dopo 60 min. "0", dopo 120 min. "0".

Esame morfologico:
spermatozoi tipici o normali:30%; spermatozoi atipici:70%,
atipie testa:20%; atipie collo code:20%; atipie di entrambi:30%.

Note: Evidenziati rarissimi spermatozoi immobili, di cui il 30% forma normale.
conclusioni diagnostiche: Criptozoospermia.

Aspetto vostri pareri.
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

indubbiamente gli esami seminali mostrano la presenza di un rilevante problema della spermatogenesi tale da dendere problematica la ipotesi di mantenere una capacità fecondante ma che, comunque, potrebbe essere un ulteriore elemento per cercare di crioconservare i pochi spermatozoi in previsione di terapie oncologiche future
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
frequentemente in situazioni cliniche come la sua abbiamo un quadro seminale non "brillante". Comunque, avendo a disposizione particolari tecniche di fertilizzazione assistita, come la ICSI, oggi anche con pochi spermatozoi crioconservati è possibile ottenere una fertilizzazione ovocitaria ed avere figli. A questo punto, risolto il problema oncologico, poi si penserà ad affrontare quest'altro problema.
Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org