Utente 506XXX
Salve,
ultimamente, mi prendono molto frequentemente delle coliche alle colicisti, che mi procurano inizialmente un forte mal di schiena nella zona lombare, dopodichè mi prendono dei dolori fortissimi appena sotto le costole, sulla parte destra. Da un'ecografia effettuata, risultano dei calcoli alle colicisti, in particolare il referto dice: Non dilatazione delle vie biliari intra-epatiche o del coledoco. Colecisti sovradistesa con alcuni calcoli endoluminali pericentimetrici di cui almeno uno incuneato in infundibulo responsabile della sovradistensione del viscere e gli altri mobili. Le pareti della cistefella sono leggermente ispessite. Le analisi del sangue e delle urine da me effettuate invece, non riportano nessun tipo di valore anomalo, risultano perfette.
Il mio medico, mi ha quindi detto che è meglio effettuare un intervento chirurgico, per asportare questi calcoli, visto che mi procurano spesso queste coliche. Per far passare i dolori, mi hanno detto di prendere delle pasticche di buscopan (3 al giorno).
Il problema, è che mentre prima mi prendevano raramente, e x max 1-2H adesso capitano queste coliche in maniera frequente, e mi durano anche x 2-3 giorni (3-4H di dolore fortissimo, e poi 2-3 giorni di dolore lieve e sopportabile). Volevo quindi chiedervi se ci sono dei medicinali alternativi al buscopan, visto che non mi sembra faccia molto effetto, e soprattutto, se facendo passare il tempo, corro il rischio di avere anche delle complicazioni ulteriori, visto che la visita presso l'usl me l'hanno data tra 40 giorni, e da conoscenze, mi hanno detto che il tempo di attesa x un'operazione di questo tipo, è in media di 1 anno e mezzo!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
sono senz'altro d'accordo col suo Medico sulla necessità di effettuare l'intervento di colecistctomia.
Attualmente, si fa di routine in laparoscopia, senza dover aprire l'addome se non in presenza di complicanze straordinarie.
Il rischio a procrastinarlo troppo è quello legato a complicanze infettive (colecistite)o da migrazione di calcoli (anche se l'ecografia farebbe pensare per lo più alle prime).
40 giorni non sono tanti, ma consiglierei una dieta senza condimenti, uova e formaggi per evitare di stimolare la colecisti.
Auguri, Stefano Enrico.
[#2] dopo  
Utente 506XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio x la risposta.
Ormai sono abbastanza tranquillo per l'intervent chirurgico...anche perchè ultimamente ne ho già subiti 2 x altri motivi (ortopedici) e quindi sono già abbastanza tranquillo direi!!
L'unica cosa è che dopo la visita, mi hanno detto che in media c'è 1 anno e mezzo / 2 anni da aspettare x l'operazione....e mi sembrano un pò eccessivi....anche perchè mangiare in bianco x 2 anni, mi sembra un pò eccessivo....già ho cercato di eliminare tutti i cibi che contengono uovo e latte/latticini!!!

Eventualmente, con un intervento del genere, quali complicanze possono verificarsi???
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore,

le complicanze legate all'intervento di colecistectomia laparoscopica sono quelle di un qualunque intervento chirurgico ed è compito del chirurgo operatore informarla in dettaglio, mentre quelle legate al non intervento Le sono state elencate dal dr. Enrico.
Piuttosto valuti con il suo medico curante la possibilità di rivolgersi ad altre ASL che magari hanno una lista di attesa più corta.
Cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Boris Franzato
24% attività
4% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
D'accordo col collega Nardacchione. Aggiungo che la sua condizione può a tutti gli effetti essere considerata un'urgenza e quindi ha diritto ad un canale preferenziale evitando quindi lunghe attese proprio per i rischi che il collega le ha illustrato.
Auguri!