Utente 190XXX
Buongiorno, sono molto allarmata per cio' che mi e' accaduto.
Sono stata sottoposta ad un intervento in anestesia locale per nodulo mammario.
Durante l'intervento ero completamente sveglia pero' un po' assopita. Probabilmente mi davano per via endovenosa una sedazione.
L'intervento e' andato bene senza nessun problema io dopo due ore ero completamente sveglia e autonoma come neanche lo avessi fatto.
Essendo in day hospital nel primo pomeriggio sono ritornata a casa.
Ho mangiato a meta' pomeriggio un piatto di pasta. Alla sera ho cenato con verdura e un po' di prosciutto cotto e gelato.
Verso alle 22 ho cominciato ad accusare prurito in tutto il corpo con qualche ponfo
IAnni fa sono stata ricoverata per orticaria cronica. Non avevano fatto uso di alcun farmaco e alcun tipo di anestesia.
Ma ogni tanto questa orticaria riappare.
Mi dura una settimana e poi se ne va'
Lo scorso anno durante una trasfusione di ferro mi sono riempita di ponfi ed essendo ricoverata in ospedale hanno rimediato subito.
Negli ultimi due anni ho subito 2 interventi in anestesia generale e l'anestesia non mi aveva dato alcun problema.
Ora sono allarmata e' possibile che cio' sia accaduto a causa dell'anestesia fatta 10 ore prima?
Come antidolorifico ho assunto tachipirina che normalmente non mi da problemi.
Ma l'anestesia se fossi allergica non darebbe problemi immediati?
Come posso verificare?
Puo'essere stato il cibo che ho mangiato dopo 5 ore dall'anestesia?

Scusi per le mille domande ma sono molto preoccupata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, le vorrei innanzi tutto porre una domanda: aveva per caso assunto un qualche tipo di antibiotico?
Con le informazioni che abbiamo non mi sembra molto probabile che si possa pensare alla anestesia locale come causa specie se unica. Lei è un soggetto predisposto e mi chiedo che tipo di indagini abbia fatto in passato, se ha mai fatto terapia e se ne aveva informato i medici o meno. La causa forse è legata ad un insieme di fattori che possono aver agito in sinergia, e forse solo una consulenza allergologica ed eventuali indagini potrebbero dire qualcosa, ma l'anestesia fatta tante ore prima, anche se non sappiamo cosa le hanno somministrato come A.L. e come sedazione, mi pare difficile che possa essere così semplicemente chiamata in causa.
Un saluto e se non sono stata chiara e le restano dubbi, non esiti a scrivere ancora
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dottoressa, la ringrazio veramente per la tempestivita' e la completezza della risposta.
Tornando all'argomento trattato io ho assunto circa 5 mesi fa antibiotici per una polmonite per un periodo di 7 giorni.
Circa 3 mesi fa lo stesso antibiotico per una tracheite.
Poi non ho assunto piu' nulla a base antibiotica.
Tralasciavo una cosa molto importante io sono celiaca diagnosticata da poco piu' di due anni.
Pensa che la celiachia possa avere qualche connessione con l'evento?
Sono una persona anche molto ansiosa e purtroppo cio' mi rendo conto che non fa che peggiorare il mio quadro clinico.
Quando fui stata ricoverata per orticaria cronica mi dimisero praticamente con diagnosi di stress perche' tutti gli esami effettuati dettero' esito negativo.
Solo dopo alcuni anni mi diagnosticarono la celiachia.
Ascoltero' il suo consiglio mi rivolgero' da un'allergologo.
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, quando le ho chiesto se aveva assunto antibiotici, mi riferivo all'intra e/o postoperatorio di questo ultimo intervento per cui ci scrive. Mi chiedevo infatti se i medici lo avessero prescritto o le fosse stato somministrato durante il ricovero. Questo per la ricerca di una possibile soluzione. I fenomeni allergici e le loro manifaestazioni sono molto complessi a volte, e il rivolgersi ad un buon centro specialistico mi sembra l'unica soluzione.
Cordiali saluti.