Utente 243XXX
Buongiorno, nel novembre del 2009 ho subito un intervento di plastica anti reflusso 360 nissen-rossetti, il problema reflusso si è risolto, ma dopo qualche mese ho cominciato ad avere grandi quantità d'aria nell'ntestino, dolori nella parte destra sottocostale, alternando periodi di stitichezza ad episodi di evaquazioni con feci molli, malconformate e semiliquide. Nell'agosto del 2010 il chirurgo ha rilevato un laparocele in sede di intervente, si è proceduti ad una plastica con posizione di rete. Persistendo il problema nel dicembre 2010 mi è accaduto episodio depressivo curato dallo specialista. Persistendo di nuovo tutta la sintomatologia sopra descritta più un dolore sovraombelicale il curante mi ha prescritto eco parete addominale, questo il refertO: al controllo ecografico odierno eseguito in dinamica in clino ed ortostasi e con ripetuta manovra di valsava non si evidenziano versamenti oracoclte in atto ma in sede sovraombelicale solo dopo ripetuta valsava si evidenza in clinostasi una discontinuità di parete di 4,8 millimetri con sacco erniario sottocutaneo di 1 cm, tale discontinuità ed erniazione appare evidente in ortostasi con un pertugio massimo di 6 mm" la mia domanda è, esiste una correlazione tra l'ernia e lo stato intestinale? oppoure è da ricondurre a due patologie differenti? quali consigli posso seguire, sia alimentari che non? l'ernia per quanto in maniera approssimativa puo' essere conservata prima di intervenire?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissima,

non c'è correlazione fra i suoi sintomi addominali e l'ernia. Probabilmente si tratta di un colon irritabile che il gastroenterologo saprà trattare dandole gli opportuni suggerimenti (dieta,, farmaci). Per quanto concerne il laparocele deve tenere conto che con il tempo andrà ad aumentare per cui dopo un periodo di osservazione (6-12 mesi) si potrà valutare l'evoluzione (ingradimento della porta erniaria) e la necessità di intervenire.

cordialmente

[#2] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
L'unico sintomo ascrivibile all'ernia è la dolenzia sovraombelicale.Probabilmente dovuta ad ansa di tenue o frangia di epiploon(tessuto grasso che ricopre l'intestino)che si introducono nel sacco erniario determinando dolore da trazione.Condivido l' ipotesi colon irritabile e monitoraggio del laparocele.
Saluti