Utente 243XXX
riferisco da diversi anni dolore e freddo a quarto e quinto metacarpo e dita con progressione del dolore sul lato ulnare dell'avambraccio, bilaterale. se esposta al freddo la parte interessata di palmo e dita diventa visibilmente più bianca e fredda, con formicolii e dolori altalenanti. a mio modesto parere di tecnico di radiologia il fatto è dovuto a trauma ripetuto (boxe senza protezioni su sacco di sabbia) e repetive strain injury (postura errata ripetitiva al computer, nessun tunnel carpale o altre patologie riscontrate) riguardante gli arti superiori e la colonna, con già osservata protrusione cervicale e entrambe le articolazioni temporomandibolari sublussate, ora in corso di guarigione.
sto facendomi seguire da un fisioterapista, ma il fisiatra non ritiene necessario un esame angiografico per valutare i vasi e eventuali stenosi o altro. volevo dei consigli quali:
mi consiglia di andare da un posturologo da un osteopata? qual'è la differenza tra i due?
mi consiglia di consultare un altro fisiatra? non trovo nessuno che voglia valutare la corretta perfusione dei miei arti e tutti prescrivono riabilitazione per la colonna (che considero corretta ed è già stata di aiuto, ma evidentemente non sufficiente per la mia completa guarigione).
quindi come dovrei muovermi?
grazie mille anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

E' molto verosimile che la sua diagnosi sia corretta (disturbo funzionale su base traumatica ricorrente).
A monte dell'esame angiografico potrebbero essere indicate metodiche non invasive (ecocolordoppler con prove dinamiche, RM), tenendo presente che i sintomi lamentati potrebbero anche essere in parte o del tutto riferibili a implicazioni di tipo neurologico periferico (protrusione discale cervicale).
Perfezionata la fase diagnostica potrebbe fare riferimento agli Specialisti più indicati (Neurochirurgo, Chirurgo Vascolare, magari con il supporto di un Posturologo).
Da valutare anche l'abbandono di attività sportive e lavorative responsabili di traumi e microtraumi ricorrenti.