Utente 243XXX
Salve,
sono una ragazza di 31 anni, a settembre mi sono accorta di soffrire di ipertensione. Sono stata curata con antipertensivi ma con scarso risultato: sotto cura la pressione aveva valori intorno a 150/100. Ho effettuato un day hospital che ha fatto scoprire la causa dell'ipertensione: displasia fibromuscolare delle arterie renali. A Febbraio ho effettuato un'angioplastica dell'arteria renale destra, che era occlusa al 95%. Mi hanno dimesso senza farmaci antipertensivi. La mia pressione è andata aumentando da 140/90, a 160/90 ma sono un paio di giorni che ho valori di massima 180-195 e minima 110-120. Mi avevano detto che ci volevano un paio di mesi per assestarsi, ma non credo che tali valori siano fisiologici. A cosa possono essere dovuti tali valori? Quali indagini dovrei fare?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
di certo l'approccio farmacologico si rende allo stato necessario, poi si dovrebbe valutare la pervietà dell'arteria renale sin. e una valutazione anche della funzionalità surrenalica. Sarebbe consigliabile che lei si rivolgesse ad un centro universitario delle sue vicinaze come Napoli o Salerno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Negli ultimi giorni ho avuto crisi ipertensive gravi: la pressione era 210/130. Sono stata al pronto soccorso ed al centro universitario dove mi sono operata. Tramite ecodoppler delle arterie renali si è visto che non c'è stata restenosi a dx; l'arteria renale sinistra è occlusa al 50-60% ma di questo erano già a conoscenza prima dell'intervento. Ora sto prendendo più antipertensivi che prima dell'intervento.
Mi domando come mai ora con un' arteria renale aperta ed una occlusa al 50-60% ho la pressione più alta di quando ne avevo una al 50-60% di occlusione e l'altra al 95%? L'intervento è stato inutile? A quale specialista conviene rivolgermi? Forse ad un nefrologo, oppure degli esperti in displasia fibromuscolare (ma non saprei come trovarli)? La mia impressione è che coloro i quali mi hanno seguito siano bravi ma non hanno esperienza con casi come il mio, poichè ho una patologia rara, e quindi anche le reazioni del corpo al post operatorio sono a loro incognite.
Spero che possiate darmi un consiglio. Grazie.