Utente 412XXX
Buonasera dottori Egregi

io ho fin da piccolo una perdita uditiva bilaterale che va dai 40 -45% al 65 – 70 % e solo ora ho trovato la "forza" per decidere la protesizzazione.
La preoccupazione che mi è sorta ( oltre al problema economico per l’acquisto delle protesi )
è che: alla amplifon mi hanno detto che con delle ottime protesi acustiche potrò recuperare tutto l’udito come una persona normale mentre due diversi otorinolaringoiatri mi hanno detto che non è così,
cioè che potrò recuperare la perdita fino ad arrivare ad avere con le protesi un deficit di "soli" (se devo mettere gli apparecchi però, io li trovo "tanti") 20% al 30 – 40%.

La mia domanda é: sono destinato a non sentire bene neppure con l'ausilio delle protesi ?

Porgo cordiali saluti.

ps: ho sentito parlare della protesi completamente impiantabile “Carina” mediante intervento chirurugico
ma mi hanno detto che pure con quella il recupero uditivo non va oltre quello che è possibile avere con delle buone protesi, le cose stanno veramente così ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
5155

Cancellato nel 2015
Non è assolutamente facile rispondere alla sua domanda.
Io le consiglierei innanzi tutto di provare le protesi acustiche (prima dell'eventuale acquisto) per valutare l'efficacia. Solo in un secondo momento, se l'efficacia della protesizzazione "tradizionale" non fosse sufficiente, potrebbe prendere in considerazione la protesi impiantabile.

Saluti