Utente 243XXX
espongo il mio problema: un anno fa ho subito la rottura del frenulo, avvenuta in due volte a distanza di 2 settimane. da allora riesco a scoprire totalmente e facilmente il glande senza problemi. da allora ho ripreso i rapporti sessuali solo 2 mesi fa, ma ho problemi di durata (che prima della rottua del frenulo non avevo). almeno nel 50% dei rapporti che ho, sento di dover venire subito, sia oralmente, manualmente che con penetrazione, le volte successive consecutive va meglio. ciò può essere causato dalla zona ad alta sensibilità posta al di sotto del glande, che ha visto la luce solo dopo la rottura del frenulo? anche se dopo 2 mesi di rapporti dovrebbe essere meno sensibile a mio avviso. confido in voi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in genere,la rottura del frenulo riduce la sensibilità.Potrei ipotizzare una rottura parziale ma l'ipotesi andrebbe verificata,anche perché non tutti i rapporti sono caratterizzati da una breve durata.Consiglio di non fidarsi sulla ripetizione del coito.
Se il prpblema persiste,consulti uno specialista reale e non virtuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

la riferita ipersensibilità della zona perifrenulare che "ora vede la luce" cioè che ora è totalmente esposta può essere sostanzialmente fisiologica dopo la rottura del frenulo e, giustamente, può giustificare la "super-velocità" dei suoi rapporti.

ritengo tuttavia che tale circostanza possa aver benefici già con l'uso di condom ritardanti, cioè con creme interne anestetiche che riducono la sensibilità.

ricordi però che la stessa frequenza dei rapporti influisce sulla durata del rapporto.


perciò ritengo utile parlare e concordare di persona con l'andrologo una strategia terapeutica.

ci aggiorni.

cordialità
[#3] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
grazie delle risposte, mi rivolgerò ad un andrologo quanto prima.