Utente 375XXX
Gentili medici,

sono una ragazza di 25 anni, lo scorso anno mi è stata diagnosticata uno stato iniziale di insufficienza venosa e ritenzione idrica, in seguito ai quali mi è stato consigliato di assumere il Flebonorm, sospendere la pillola, indossare calze elastiche 70-140 denari, effettuare cicli di pressoterapia e fare movimento. Preciso che al momento non ho capillari evidenti ma solo dolori e pensantezza agli arti nella stagione estiva. Conoscendo ovviamente il limite di un consulto online, vorrei avere alcune delucidazioni:

1) Che ruolo ha la ritenzione idrica nell'insufficienza venosa? Può essere una causa?
2) Attualmente non posso andare in palestra (lo scorso anno ci andavo e ne ho tratto molto giovamento alle gambe), dato che conduco uno stile di vita senderaio (lavoro tutto il giorno seduta) la cyclette a bassa intensità può essere un'alterinativa? Noto che dopo aver fatto 30-40 minuti di cyclette sento come un formicolio dietro alle gambe sulle coscie, è normale?
3) è possibile effettuare la ceretta dall'estetista o posso correre il rischio che compaiano dei capillari? Ho sentito molti pareri discordanti. Di solito dalla mia estetista di fiducia, la temperatura utilizzata non è così alta, ma tiepidina.

Grazie anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
La cyclette non frenata è indicata.
Le sconsiglierei l'uso della ceretta. Anche se tutti i sistemi di depilazione sono in qualche modo traumatici, i più indicati sono l'epilatore o quelli che comunque non implicano applicazione di calore.
[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio Dott. Pisciatelli. É possibile inoltre sapere come ho specificato sopra che ruolo ha la ritenzione idrica nell'insufficienza venosa e se è normale il formicolio avvertito dopo la cyclette.

La ringrazio anticipatamente