Utente 244XXX
Buonasera,

mi è stata diagnosticata, dopo un lungo iter fatto di visite, analisi e quant'altro una "connettivite indifferenziata" con relativo codice d'esenzione RMG010; tra i vari accertamenti che avevo fatto prima dell'esenzione, vi è il test allergologico, risultato positivo sotto molteplici voci; ora...necessitando io di antistaminici (per evitare bruciore agli occhi, lacrimazione, raffreddore allergico e soprattutto un fastidioso prurito a gambe e braccia), posso farli prescrivere fruendo dell'esenzione? Oppure debbo pagarli?
So che per trattamenti di più di 60 giorni (come sarebbe nel mio caso) è possibile avere la "ricetta rosa" ovvero la mutuabilità...ma vorrei capire se è inerente o meno anche l'inserimento del codice d'esenzione!
Grazie dell'attenzione, un cordiale saluto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
per non pagare gli antistaminici è necessario che il medico prescrittore apponga sulla ricetta regionale una particolare nota (non un codice di esenzione), in relazione alle indicazioni per le quali è prevista; il fatto di avere una diagnosi di connettivite non ha rilevanza in questo senso.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera,
anzitutto la ringrazio della risposta, in secondo luogo vorrei avere una precisazione circa la possibilità (o meno) di correlazione tra le due cose...
dato che l'allergia ad esempio agli acari mi pone anche nella condizione di avere delle chiazze rosse sulle braccia e sulle gambe ed una sensazione pruriginosa, in qualche modo può esserci correlazione con la connettivite indifferenziata?
Sono sempre in allerta date le mille sfaccettature di questi problemi autoimmuni!
Grazie anticipatamente!
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Nelle connettiviti non è infrequente sviluppare forme più o meno evidenti di orticaria cronica (spontantea, autoimmune). Il Suo immunologo/reumatologo dovrebbe essere in grado di confermare o smentire se anche il Suo caso può essere interpretato in questo modo (piuttosto che come un'allergia agli acari).
Un'ulteriore possibilità è rappresentata dal fatto di poter soffrire anche di una diversa malattia cutanea spontantea (es. dermatite atopica), indipendente dalla connettivite. Come appena detto, solo chi La segue può chiarire la situazione.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Sì so bene che "consulti a distanza" veri e propri non esistono, tuttavia, ora che ho almeno l'idea che in taluni casi possa esistere una qualche correlazione, chiederò alla reumatologa che mi segue!
La ringrazio ancora e le auguro un buon prosieguo!