Utente 244XXX
Buon giorno,
sono stato di recente operato per un aneurisma dell'aorta ascendente, alle dimissioni, l'elettrodo ventricolare epicardico tunnellizzato mi e' stato lasciato in sede nella sua porzione terminale per elevata resistenza alla rimozione.
Il medico che ha "tagliato" l'elettrodo mi ha detto che non potro' piu' fare la risonanaza magnetica a causa della porzione di elettodo che e' rimasta dentro.
Volevo sapere il perche', e vorrei anche sapere di che materiale e' fatto l'elettrodo, perche' se fosse di acciaio inossidabile non sarebbe soggetto ad alcun campo elettromagnetico e la risonanza magnetica non dovrebbe interferire.
Grazie per i chiarimenti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabrizio Sansone
20% attività
0% attualità
0% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Gent.mo paziente,
i materiali attualmente utilizzati in cardiochirurgia per creare devices metallici (come clip, punti di acciaio, protesi valvolari meccaniche, ecc) non sono soggetti ai campi magnetici e non sussistono controindicazioni alla esecuzione della RMN.
La invito comunque a contattare il centro presso il quale è stato operato per avere la conferma di quanto io le scrivo.
Cordialità
FS
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

se si riferisce ad una porzione di elettrotocatetere da cardiostimolazione, generalmente è controindicata l'esecuzione di RMN per la teorica possibilità che le alte temperatura che si raggiungono in corso dell'esame possano determinare un surriscaldamento della punta con conseguente necrosi miocardica. Il rischio è inoltre correlato alla lunghezza del residuo di catetere.
Cordiali Saluti