Utente 245XXX
Salve, sono un ragazzo italiano di 31 anni. Attualmente sono in Italia per degli accertamenti clinici sulla mia situazione di salute in quanto in Cina, dove risiedo per lavoro, non sono stati in grado di trovare il problema.
Tutto è nato a dicembre 2011 con febbre, nausea, diarrea e dolori al basso ventre dx. Dopo una ecografia ed esami del sangue, eseguita in Cina, mi hanno diagnosticato un'infiammazione dell'appendice e, dopo 5gg di cura antibiotica, la febbre era calata ma no i dolori. Data la situazione decisi di rientrare in Italia per degli accertamenti più approfonditi i quali però hanno escluso l'appendice e hanno lasciato perplesso i medici.
I primi di gennaio sono rientrato in Cina ma già verso la metà di febbraio i dolori/fastidi si sono intensificati ed è riapparsa la febbre, comunque mai al di sopra dei 37,5. Tornato in ospedale, rifatti ecografia ed esami del sangue, mi diagnosticano nuovamente l'infiammazione dell'appendice e mi suggeriscono l'operazione. Alchè decido per una nuova cura antibiotica ma al 4°gg decido di andare a Pechino per effettuare l'operazione. E quà viene il bello! I dottori di Pechino, leggendo i referti e le analisi svolte a Jining (la città dove lavoro), concordano sulla diagnosi ma subito dopo avermi fatto rifare l'ECO e gli esami del sangue escludono l'appendice senza dirmi cosa è la causa del mio dolore e febbre.
Successivamente mi hanno "tastato" un pò tutto il corpo e mi dicono che ho i linfonodi leggermente gonfi ma successivamente i risultati della TAC all'addome escludono ogni genere di problema.
Tornato a Jining eseguo, su suggerimento di medici dall'Italia, la colonscopia e dei test sulle feci (sangue occulto e ricerca del parassita). La colonscopia evidenzia una infiammazione cronica della mucosa (ma sul lato sx) e la biopsia è normale. Feci normali.
Data la permanenza dello stato febbrile (sopratutto quando mi muovo la febbre mi sale) e del dolore al fianco decido di rientrare nuovamente in Italia per delle ulteriori visite.
Attualmente sono seguito dal CRO di Aviano dove la gastroenterologa mi ha prescritto diversissimi esami: gastroscopia ok, ricerca tumorale ok, tiroide ok (ho perso quasi 7kg in 10gg), sangue ok, ECO ok, feci sto ancora aspettando in quanto ha fatto ricercare diversi tipi di parassiti etc.
Volevo precisare due cose:
La prima è che il dolore/fastidio è esteso sul fianco dx, parte dall'inguine per arrivare sotto il costato prendendo anche la zona posteriore.
La seconda è che ho notato che la febbre sale specialmente se faccio movimenti (esempio pulizie di casa, dato che sono in "prigione" da parecchio tempo).
Venerdì scorso sono stato visitato dal medico dell'INPS il quale mi accennava che probabilmente la mia appendice "è girata verso dx/dietro" e quindi appena si infiamma, anche di poco, sfiorando le fasce muscolari mi causa i dolori e fastidi.
Ma la febbre?

Grazie anticipatamente per il vostro supporto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra che tra Italia e Cina sia stato approfonditamente valutato anche se manca una diagnosi definitiva. Tenderei a considerare poco probabile l' ipotesi dell' appendicite per varie ragioni e credo corretto prosegua l' iter diagnostico in corso. Sicuramente le malattie infiammatorie intestinali sono un' ipotesi da considerare.Eviterei di sottopormi ad un intervento chirurgico non in urgenza senza una ragionevole evidenza che la causa dei sintomi sia quella per cui viene operato. Ci tenga aggiornati se desidera. Auguri!