Login | Registrati | Recupera password
0/0

Gli ha detto che era portatore sano

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007

    Gli ha detto che era portatore sano

    è possibile che una persona che + di 20 anni fa l epatologo gli ha detto che era portatore sano di epatite b, oggi sia guarito? Un portatore sano può guarire?
    Spiego meglio tutta la situazione:
    ad aprile 88 ,in seguito alla richiesta del datore di lavoro, si fece le analisi e risultò che aveva epatite b,purtroppo nn ho trovato quelle analisi ma suppongo fosse
    hbsag positivo
    hbsab negativo
    Di lì tutti i familiari si sono vaccinati

    Ad aprile 89 (quindi dopo 1 anno)risultò :

    hbsag positivo
    hbsab negativo
    hbcab positivo( il medico ci ha messo 1 croce vicino nn so perchè)
    hbeag negativo
    hbeab positivo

    Da queste analisi l'epatologo dedusse che era un portatore sano
    poi, da allora, ecografie al fegato e transaminasi sono risultate sempre buone, nn sono più stati ripetuti i markers fino a marzo 2011.
    A marzo 2011 ripetendo i markers (richiesti dalla cardiologa) ha avuto come risultato:
    HbsAg negativo
    HbsAb 2,7 (valori proteggenti>9).
    Già questo risultato ci ha lasciato perplessi, ma nn abbiamo avuto il coraggio di ripeterli fino a qualche giorno fa.
    Oggi ,a distanza di un anno, abbiamo ripetuto i markers (tutti e 5 non solo 2 ) ed ecco i risultati:
    Hbsag negativo
    HbsAb 31,5 ( proteggenti >9)
    HbcAb presenti
    HbeAg negativo
    HbeAb presenti

    Allora che significano questi risultati? é guarito? Ma soprattutto può infettare ancora gli altri? I rischi per la salute ci sono ancora (tumore, ecc)?Grazie infinite a quanti mi risponderanno.







  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 49 Medico specialista in: Malattie infettive

    Perfezionato in:
    Malattie del fegato e del ricambio

    Risponde dal
    2009
    Gentile utente,
    la "sieroconversione" è la comparsa di anticorpi proteggenti contro il virus dell'epatite B.
    In assenza di terapia è molto rara ma non impossibile. Nell'arco di 10-20 anni da un'infezione cronica 1-2% dei casi possono guarire spontaneamente con la formazione di anticorpi ad un titolo proteggente ( > 10 UI/l).
    In questo caso la contagiosità è nulla ed il virus pur se non eliminato definitivamente non è più in grado di provocare Cirrosi o tumore del fegato . Prova ne è che la ricerca diretta del virus ( HBVDNA) in questi pazienti da sempre esito negativo ( < 20 UI/L).

    Cordiali Saluti




    Dr. Roberto Chiavaroli

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    Cioè lei mi sta dicendo che lui rientrerebbe in quel 1-2% e che per averne conferma bisogna verificare se hbvdna è negativo cioè <20Ul/L?



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 49 Medico specialista in: Malattie infettive

    Perfezionato in:
    Malattie del fegato e del ricambio

    Risponde dal
    2009
    si' è proprio cosi'.
    Vedrà che l'HBVDNA sarà assente e pian piano gli anticorpi aumenteranno...

    Buona serata


    Dr. Roberto Chiavaroli

  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    Le farò sapere. Grazie mille
    Cordiali saluti




Discussioni Simili

  1. Contagio da epatite c da dentista
    in Malattie infettive
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27/03/2012, 10:50
  2. Epatite c
    in Malattie infettive
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21/03/2012, 17:53
  3. Epatite o hiv
    in Malattie infettive
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06/04/2012, 17:09
  4. Le stesse modalità
    in Malattie infettive
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17/03/2012, 13:12
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12/03/2012, 13:02
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,16        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896