Utente 245XXX
Salve, circa un mese fa ho perso una parte del dente 2.4 che poi ha continuato a sgretolarsi inesorabilmente a causa di una carie interna. Il mio dentista mi disse che il dente ormai è andato da ormai un anno addirittura assieme alla radice e dunque non sarebbe stato possibile effettuare una ricostruzione.
Premetto che non ho sentito alcun dolore e non ho visto nessuna carie ma a quanto pare, succede.
Alla richiesta sul da farsi mi consigliò l'estrazione del dente e un impianto oppure un ponte se avessi voluto danneggiare i miei due denti sani adiacenti. Gli chiesi indicativamente l'ammontare del costo di un'operazione del genere e lui specificò che avrebbe potuto procedere solamente all'estrazione del dente e per il dente nuovo mi sarei dovuta rivolgere a qualcun'altro ed il costo si aggira tra i 1500 e i 2000 euro. Mi suggerì inoltre di non farmi togliere ancora la radice a meno che non decidessi nell'immediato di procedere all'impianto o ponte, in quanto una ferita recente avrebbe semplificato l'intervento.

il mio dubbio è: dal momento in cui io purtroppo non ho la possibilità di sborsare una tale cifra, dovr rimanere con la bocca chiusa visto che il dente è comunque abbastanza visibile e ciò mi crea un forte disagio, ma se lascio stare ancora la radice il mio timore è che, se veramente anche la radice ormai è marcia, non è che sono a rischio ascesso?

Non so proprio comportarmi.

rischiare un ascesso e rimanere comunque senza dente in tempi brevi o tolgiere già la radice e ciò che rimane del dente in attesa di una vincita al lotto?

Tra l'altro ho subito l'estrazione dell' 1.6 e ho notato che col tempo il dente del giudizio ha spinto l'altro molare verso lo spazio lasciato dall'1.6. Potrebbe succedere la stessa cosa eventualmente col 2.4? visto che ho anche il dente del giudizio dall'altra parte?

Vi ringrazio per l'attenzione che mi presterete,

Buon lavoro a tutti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
"se lascio stare ancora la radice il mio timore è che, se veramente anche la radice ormai è marcia, non è che sono a rischio ascesso?" Esatto, se la radice è quella di un dente ormai necrotico distrutto da una lesione cariosa il rischio da lei citato esiste. Tra l'altro un dente infetto non previene alcun riassorbimento osseo, anzi ne è esso stesso la causa. Se il dente non è recuperabile lo faccia estrarre. L'ideale sarebbe non far passare troppo tempo tra estrazione e riabilitazione con un impianto in quanto nel tempo le cresta ossea edentula va incontro ad atrofia, quando si può adesso spesso si esegue l'implantologia post-estrattiva che riduce i tempi e per alcuni aspetti semplifica le cose. Il non avere al momento la possibilità di riabilitare con un impianto non è un valido motivo per correre i rischi connessi al mantenimento in bocca di un residuo dentario necrotico infetto.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Capisco, quindi in ogni caso è assolutamente consigliato estrarre il resto del dente e la radice, sperando che presto potrò far eseguire un impianto.
Indicativamente qual'è il tempo massimo che può passare dall' estrazione all'impianto per evitare che la cresta ossea vada ad atrofia?
[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Non esiste un tempo massimo. Il rimodellamento della cresta ossea inizia da subito dopo l'estrazione e va avanti più velocemente nei primi 6 mesi per poi rallentare. Se le cose van bene e il riassorbimento nel tempo è stato moderato si può fare l'implantologia anche a chi è edentulo da decenni. Faccia l'impianto non appena possibile. Un bravo implantologo sarà capace di gestire anche volumi ridotti ossei per l'inserimento di un impianto.
La radice potrebbe esser tenuta fino alla chirurgia implantare solo se correttamente devitalizzata e chiusa in modo che l'endodonto non venga colonizzato dalla placca e dai batteri del cavo orale. Se la radice è necrotica va sicuramente tolta se viene trattata come le ho detto può esser tenuta per prevenire il riassorbimento osseo fino all'intervento in cui verrà messo l'impianto.
Tuttavia risanare la radice (che poi andrà comunque estratta) avrà un costo e se ha difficoltà a programmare la spesa per l'impianto non so se questa scelta sia quella giusta per lei.
Ci pensi.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Ora mi è tutto chiarissimo, La ringrazio per la celere ed utilissima risposta e colgo l'occasione per ringraziare tutto quanto lo staff per il lavoro svolto e l'impegno che ci mettete. Trovo sia veramente un bel servizio serio e professionale che da la possibilità agli utenti di ricevere pareri e consulti, anche diversi, da persone qualificate onde fare delle scelte, a volte anche importanti.

un cordiale saluto a Lei dott. Di Lorio e a tutto lo staff.