Utente 159XXX
Sono una ragazza di 19 anni, scrivo in merito a ciò che mi è successo ieri pomeriggio. Stavo tornando a casa dall’università in treno, era molto affollato e mancava l’aria, i finestrini erano bloccati e ho comincato a sentire un senso di soffocamento. Quando sono scesa dal treno mi sembrava che mi fosse passato. Ho attraversato la stazione correndo per andare a prendere il tram sul lato opposto della strada, e lì mi sono sentita veramente male. Tachicardia fortissima che non passava, mancanza di fiato, senso di debolezza e giramenti. Con le poche forze rimaste sono andata a prendere il primo taxi (per come stavo sinceramente non so nemmeno come ci sia riuscita) e sono tornata a casa, ma sarebbe stato meglio se avessi chiamato un’ambulanza. Già sul taxi comunque ho cominciato a sentirmi un po’ meglio, una volta arrivata a casa mi sono recata al PS, dove mi hanno fatto aspettare 3 ore e poi mi hanno visitata ma chiaramente l’ECG era normale, il battito regolare, insomma non c’era nulla, perchè ovviamente non avevo più già nulla. Il medico mi ha prescritto un Holter ed esami della tiroide. Appena arrivata al PS mi hanno chiesto se soffrivo di attacchi di panico, effettivamente anche io avevo pensato a quello, ma la mia paura è che sia stato un episodio di fibrillazione atriale parossistica. E' possibile?? Io non ho osato chiederlo al medico di pronto soccorso perchè non volevo sembrare invadente o pazza, visto che mia madre pensa a questo, pensa che io sia matta e mi inventi le cose, ma io GIURO che mi sono sentita veramente male, altrimenti di sicuro dopo non sarei andata al PS e me ne sarei tornata a casa!!!!!! Sono molto preoccupata anche per il fatto che ho lieve prolasso mitralico e mio padre è morto di infarto miocardico acuto, so che le 2 cose sono assolutamente scollegate ma ho paura comunque. Alla fine il malessere mi è praticamente passato da solo, se fosse stata fibrillazione mi sarebbe passata da sola? Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
per come ha descritto l'evento, il suo sembra semplicemente un attacco di panico e non una aritmia. L'esame Holter ed eventualmente un test da sforzo posso dirimere ogni suo dubbio in merito.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio. Quindi secondo lei la fibrillazione non centra nulla? e l'esame Holter potrebbe escluderla?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Effettui l'esame Holter, escluderei del tutto una f.a.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Dottore mi scusi, oggi sono andata dal medico di base il quale mi ha detto che i sintomi che ho avuto sono tutti riconducibili all'ansia e allo spavento che ho preso. Mi ha prescritto gli esami del sangue (con anche quelli della tiroide) e una visita cardiologica (con ecg ed ecocardio). Mi rendo però conto di avere sempre un certo stato di ansia e di agitazione che nasce dalla paura che possa riavere la fortissima tachicardia che ho avuto. Il dottore mi ha detto che per curare l'ansia ci sono farmaci antidepressivi e tranquillanti, ma io non sono molto propensa a prenderli per gli effetti collaterali che possono causare. Secondo Lei quali rimedi naturali potrei utilizzare per far passare almeno un po' questa agitazione che mi accompagna costantemente dal giorno in cui ho avuto l'attacco di panico??
La ringrazio per la cortese disponibilità.