Utente 200XXX
Gentili Dottori,
scrivo per avere un vostro consulto, nell'attesa di poter parlare con il mio medioco di base, riguardo un problema di cui soffro da qualche tempo.

Ho sempre le mani e i piedi freddi, negli ultimi giorni accuso anche un certo formicolio alle mani e in una leggera misura anche al polpaccio sinistro.
Non capisco se possa trattarsi di un problema di scarsa circolazione periferica, un problema neurologico o di natura ormonale.
Il clima mite non pare migliorare le mani fredde e la mia temperatura corporea è sempre piurrosto bassa, sotto i 36 o appena 36°.

Ho effettuato di recente un controllo dei valori comprendendo negli esami di routine anche quelli tiroidei, sono bassissimi, soglia minima; purtroppo non ho le analisi con me per potervi trasmettere i risultati; per il resto avevo il colesterolo altino (10 in più del massimo), diabete e trigliceridi ok e nessun altro valore fuori dalla norma.

Il formicolio che avverto non è invalidante, solo un po' fastidioso e vorrei capire se devo dare maggiore peso alla cosa o vedere cosa succede nel tempo.

Non ho mai fatto un controllo dall'angiologo, ho effettuato negli anni degli accertamenti cardiaci per motivi sportivi e di routine da cui non è emerso nulla strano.

Le mie domande sono:

- le mani e i piedi sempre freddi e il formicolio che avverto alle mani( da qualche giorno quasi continuo) possono essere indice di un malfunzionamento circolatorio periferico?
- posso essere ipotiroidea e quindi il formicolio può dipendere da questo?
- potrebbe essere la spia di un problema neurologico? Ad esempio troppo tempo al computer/vita sedentaria/compressione di qualche nervo
- potrebbe essere di natura psicosomatica?

In caso di approfondimenti che accertamenti consigliate?

Nell'attesa di una risposta ringrazio per il servizio offerto e lascio cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Signora,
purtroppo i sintomi riferiti sono piuttosto aspecifici rappresentando un forte limite per questo tipo di consulto a distanza: tutte le ipotesi da Lei formulate sono compatibili con questo tipo di manifestazione.
E' necessario quindi che si sottoponga ad un controllo clinico generale (visita) ed eventualmente agli approfondimenti specialistici ed agli accertamenti diagnostici strumentali indicati.
[#2] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la celere risposta Dottore, nei prossimi giorni dovrei riuscire a vedere il mio medico di base per discutere con lui dell'eventuale iter diagnostico.

Aggiungo che mi sembra di notare che il fastidio diminuisca mettendo le mani sotto l'acqua calda.
Comunque sia effettuerò le indagini adeguate.

Grazie ancora per l'ottimo servizio e il tempo dedicato.