Utente 572XXX
Gentili Dottori,
vi chiedo cortesemente una risposta al mio caso.
Sono un soggetto maschile, di 47 anni.
In data 1.11.2007 ho subito un intervento di tiroidectomia totale, con diagnosi di ingresso presso l'Ospedale di "nodulo a citologia cistico-emorragica in lobo dx tiroide".
Il referto istologico eseguito dopo l'intervento recita: "Lodo dx: nodulo micro-macro follicolare con aspetti iperplastici e fenomeni regressivi (LD1-3). Collaterale parenchima tiroideo micro-macro follicolare con modesta tiroidite linfocitaria (LD1-3). Lobo sinistro: parenchima tiroideo micro-macrofollicolare con aspetti iperplastici e fenomeni regressivi. CONCLUSIONI: adenoma micro-macrofollicolare con aspetti iperplastici e fenomeni regressivi".
Le analisi del sangue eseguite dopo l'intervento davano i seguenti risultati: in data 7.11.2007 TSH 4,74, FT4 1,03 Triiodotironina libera 2,39, Calcio 4,7, fosforo 4,7.
La mia domanda è la seguente: l'adenoma riscontratomi costituisce un tumore maligno, o comunque un tumore che col passar del tempo avrebbe potuto diventare maligno? E poi: è opportuna una terapia antitumorale o comunque altro tipo di terapia contro tale adenoma?.
Vi sarei enormente grato se mi poteste dare una risposta, in quanto sono alquanto preoccupato.
Ringraziandovi fin d'ora per l'attenzione che potrete dedicami, porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'adenoma è un tumore epiteliale benigno le cui cellule assumono l'aspetto di una ghiandola, o che derivano dall'epitelio ghiandolare di un organo. Nella fattispecie, la sua diagnosi ha permesso di rscontrare un adenoma micromacrofollicolare che è l'unica forma “benigna” che deve essere considerata come potenziale precursore di neoplasia; l'approccio chirurgico pertanto è stato corretto.
Non esistono trattamenti antitumorali per gli adenomi! Le è stata asportta una neoformazione benigna che non necessita di nulla eccetto del controllo dell'endocrinologo per attivare e monitorare il trattamento ormonale sostitutivo.
[#2] dopo  
Utente 572XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per la disponibilità e la tempestività nella risposta.