Utente 225XXX
Gentile dottore, da due settimane sono in terapia con cipralex (al momento 7 mg al giorno da aumentare poi a 15) e Xanax( 1 mg al giorno) per attacchi di panico ed ansia. Soffro da motli anni di aritmie (extrasistoliche) e negli anni scorsi ho effettuato un'ecocardiogramma dall'esito negativo e un'holter (fatto 6 anni fa) sulle 24 ore in cui tutti i valori erano normali compresi l'intervallo qt.Ora mi chiedo, so che l'escitalopram può portare ad un aumento dell'intervallo qt, questo mi spaventa....è questa un'eventualità che capita spesso con qeusto genere di farmaco? Dovrei effettuare un'esame cardiaco durante l'assunzione di questa terapia? La ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il farmaco in questione puo' in effetti portare, in un modesto numero di pazienti, all'allungamento del QTc: buona regola e' eseguire un ECG basale mentre si assume il farmaco.
Ma si tranqullizzi perche' e' estremamente raro.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Io che soffro di extrasistolie benigne (sono colecistectimizzato e probabilmente le extrasistole sono anche causate dall'ansia) posso essere più soggetto a questo evento? La ringrazio infinitamente
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Esegua un ECG ed i cardiologo le dira' se ha un allungamento del QTc o meno.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore sono in attesa di un controllo elettrocardiografico (applicherò l'holter sulle 24 ore).Ringraziandola sempre per la cortese disponibilità volevo un chiarimento sull'informativa apparsa circa l'uso dell'escitalopram e l'intervallo qt. Praticamente da studi recenti è emerso che il farmaco in uno studio clinico finalizzato a valutare gli effetti di 10 mg e 30 mg di Escitalopram sull'intervallo QT in soggetti adulti sani, confrontato con il placebo, ha causato l'incremento medio, rispetto al basale, del QTcF (correzione di Fridericia) è stato di 4,3 msec alla dose di 10 mg al giorno e di 10,7 msec alla dose sovraterapeutica di 30 mg al giorno. Volevo sapere se questi incrementi sono significativi in un cuore sano e quali sono invece i valori normali. Il farmaco dunque è controindicato solo in chi ha la patologia preesistente)anche se rara)? Chiedo scusa se abuso della sua gentilezza, ma sono preoccupazioni da ipocondriaco che da sempre è stato restio all'uso di farmaci ma i cui attacchi di panico debilitanti mi han costretto ad assumerlo.La ringrazio infinitamente.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tutti i dati che lei riporta e che ha trovato su internet sono senz'altro veri. MA deve pensare che se l'associazione escitalopram--> morte aritmica fosse reale in Italia e nel mondo ci sarebbero centinaia di miglia di morti legate al farmaco in questione. Cosa che invece non e'.
Lo stesso dicasi per alcuni antibiotici estremamente usati nel nostro paese e nel mondo.
Quindi cerchi di tranquillizzarsi, esegua pure ECG ed Holter, ma eviti di andare su Internet a cercare cose molto complesse da spiegare su un sito di divulgazione come questo.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio, le auguro una buona giornata