Utente 231XXX
Salve, da circa dieci giorni ho un quasi perenne formicolio ed una strana sensazione di pesantezza al pene ed in particolare alla vescica.
Quando vado in bagno non ho nessun particolare fastidio ed ogni tanto durante il 'bisogno piu importante' avverto una piccola fitta interna tra l'ano e la base del pene.

Circa 6 mesi fa ho avuto rapporti non protetti con una ragazza avente clamidia e candida e successivamente ho avuto delle perdite. Nonostante i miei esami di spermocultura e tamponi uretrali fossero negativi per quanto concerne candida e clamidia ...ho fatto, seguendo il consulto del andrologo/urologo, i trattamenti prima con il ciproxin, ma senza risultato, a seguire con un altro farmaco ed infine con il ribotrex.
Quest'ultimo preso circa sei settimane fa.
Adesso per motivi di studio mi trovo fuori dall'Italia ed è veramente difficile chiedere un consulto di persona.

In sincerità, ultimamente trovandomi fuori dall'italia l'alimentazione e anche il bere non sono stati del tutto genuini.

Questa strana sensazione di cui ho scritto prima è a tratti simile a quando avevo le perdite ma oltre ad essere quasi costante ed ad essere maggiormente avvertita quando mi trovo sdraiato o seduto (forse perché meno distratto) non mi sembra che sia seguita da perdite.

Credo di aver scritto tutto.

Oltre ad un regime alimentare più genuino, cosa posso fare? Esistono in paesi come la polonia centri con medici italiani?
Non vorrei che questa sensazione si cronicizzi perché è davvero stressante.

Grazie.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le informazioni che ci trasmette depongono per la probabile presenza di un fenomeno congestiizio/infiammatorio delle vie seminali che non è escluso possa essere espressione di una cronicizzazione dell'episodio pregresso riferitoci.Soffre di emorroidi?L'alvo é regolare?Ha perdite spontanee e/o sotto sforzo (durante le minzione e/o defecazione)?Purtroppo,per via telematica,altro non si può ipotizzare,per cui La rimando ad uno specialista reale che,anche in Polonia,non manca.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la sintomatiologia che lei riferisce potrebbe, in effetti, farci pensare a qualche stato patologico prostatico anche se non di rilevante entità.
Cerchi di stare attento agli eccessi alimentari e di alcolici, abbia eiaculazioni abbastanza regolari e al primo ritorno in italia contatti un urologo a cui spiegare i suoi sintomi altrimenti mal interpretabili da un medico per quanto preparato con il quale non si possono spiegare i particolari del problema
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute di colleghi che mi hanno preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.

[#4] dopo  
Utente 231XXX

Iscritto dal 2011
Dr. Pierluigi Izzo,
Mai sofferto di emorroidi in vita mia, ma a pensarci bene circa 3 mesi fa per un breve periodo, durato meno di una settimana, ho avuto qualche fastidio.
Alvo regolare ed anche il periodo con il quale vado in bagno, da sempre.
Mai avuti problemi di stitichezza ed il mio metabolismo è stato sempre veloce.
Ultimamente un po d'aria nello stomaco, più del consueto.
Per quanto riguarda le perdite, io controllo spesso, sopratutto quando il formicolio aumenta ma non le riscontro mai visivamente.
Se ci sono, come ho scritto in precedenza, sono quasi impercettibili e spontanee.

Dr. Diego Pozza,
purtroppo non tornerò in Italia prima di altri 4 mesi, quindi devo trovare una soluzione per alleviare almeno i sintomi e curare l'infiammazione prima che diventi maggiormente cronica.
Purtroppo qui in Polonia, non so a chi rivolgermi, e vorrei evitare di trovare persone non competenti. E comunque non tutti parlano inglese.
Per questo chiedevo se magari ci fosse qualche centro affiliato o qualche medico di vostra conoscenza a cui rivolgermi.


Dr. Giovanni Beretta,
complimenti per gli articoli che ho letto con molta attenzione.

Sono un ragazzo atletico e magro.
Fin quando stavo in Italia praticavo parecchio sport e con il metabolismo veloce che ho, facendo una stima molto approssimativa, avevo un fabbisogno quotidiano di 2500/3000cal.

Ovviamente, qui la fame è rimasta intatta ma la 'qualità' del cibo è invece scesa parecchio. Trovandomi spesso in giro e non avendo sempre
l'opportunità di cucinare, spesso i panini, snack e altri alimenti non genuini sono stati la mia fonte di alimentazione.
Tutto questo, come anche detto in precedenza accompagnato all'assunzione di bevande alcoliche. Non a livelli estremi ne quotidianamente. Ma qualche cocktails una due volte a settimana e una o due birre la sera durante la cena, onestamente si.

Comunque questi sintomi ovviamente sono abbastanza importanti e quindi se è necessario smetterò subito di bere e cercherò immediatamente di mantenere una alimentazione più corretta a discapito di patire un po la fame.

Per quanto riguada l'acqua non avendo problemi di minzioni, non mi sveglio mai di notte con l'imminente stimolo di correre in bagno, posso anche bere
prima di andare a letto?

Ringrazio tutti e tre Dottori per le celeri risposte, ma c'è qualche trattamento antinfiammatorio che posso fare senza dover fare qualche visita?
Esiste qualche centro affiliato con qualche associazione medica italiana a cui mi posso rivolgere?
Non vorrei che se non curata diventi davvero cronica.

Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Utente 231XXX

Iscritto dal 2011
Chiedo scusa per aver dimenticato un particolare forse importate, non so cosa possa significare ma lo scrivo per una descrizione più esauriente.
Le ultime eiaculazioni, presentano uno stato dello sperma eccessivamente liquido, con poca consistenza grumosa e poca densità, come invece capitava spesso in passato.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

purtroppo anche gli ultimi sintomi da lei riferiti non ci indicano in modo mirato una possibile e precisa patologia delle vie uro-seminali.

Le conviene sentire ora in diretta sempre il suo urologo, anche per l'eventale indicazione terapeutica.

Ancora cordiali saluti.
[#7] dopo  
Utente 231XXX

Iscritto dal 2011
Non esiste qualcosa di generico che posso fare?
Come detto al momento è veramente difficile contattare il mio urologo.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Da questa postazione, senza la possibilità di fare una valutazione clinica precisa, nessuna terapia, neppure generica, le possiamo indicare.

Si rilegga le linee guida che si devono seguire quando si pongono quesiti nel nostro sito.