Utente 246XXX
Gentile medico, sono una ragazza di 22 anni che costantemente vaga ormai da uno specialista all'altro, senza ottenere una qualche risposta soddisfacente. Vorrei premettere che faccio la ballerina per professione, peso 38 kg e sono alta 1.55, non ho mai avuto problemi di anoressia o simili. Sono sempre stata molto attenta alla mia alimentazione, senza digiunare né abusare dei cibi. Da quando avevo circa 15 anni soffro di spasmi addominali dovuti all'ansia, e mi dissero che si trattava di una gastrite di origine nervosa. Ho sempre avuto mestruazioni fortemente irregolari a partire dal menarca (ca.12 anni e mezzo), e per risolvere questo problema, a 18 mi è stata prescritta la pillola. In questi 4 anni, ho cambiato 4 diverse pillole; queste, anziché aiutarmi, mi hanno indotto alla polimenorrea ed a cicli estenuantemente lunghi. Nei periodi di intervallo dalle pillole, sono sempre entrata in amenorrea (diversi mesi in assenza totale anche di lievi perdite), e conseguentemente in uno stato pericoloso per la mia salute ed anche per la mia professione. Da qui le analisi per sospetta celiachia e/o casi di intolleranze alimentari:con i test si è evidenziata una allergia al nickel; i risultati delle analisi per la celiachia, fatti in periodi distanti tra loro, sono stati questi:
(anno 2010): anticorpi anti-gliadina IgA 3 <12: negativo
anticorpi anti-gliadina IgG 17 <12: negativo
Ab transglutaminasi tissutale IgA 2 <12: negativo
(anno 2012): IgA 252 val.riferimento: 90-450
IgE totali 13 val.riferimento adulti: fino a 100
Ab Transglutaminasi tissutale IgA 2 <12: negativo

Sovente presento dolori addominali, specie in periodo di stress ed associati a stati di ansia e agitazione; soffro di stanchezza e debolezza, che non saprei dire se associata al mio lavoro fisico o ad una qualche patologia. Durante le mestruazioni, con o senza pillola, soffro di meteorismo. Volevo specificare inoltre che sono portatrice di talassemia alfa. Mi darebbe gentilmente un parere? Da parte dei ginecologi, il mio apparato è perfettamente nella norma. Il mio obiettivo è individuare la causa di una situazione mestruale così contorta e combatterla, cercando di capire se possa essa essere associata ad un problema intestinale o meno. Grazie, e mi scuso per la richiesta tanto elaborata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
non si può trovare un nesso tra il problema "principale" (che riguarda il ciclo mestruale) e il sospetto di «celiachia e/o casi di intolleranze alimentari».
I disturbi intestinali dovrebbero essere inquadrati con l'aiuto di uno specialista (gastroenterologo e/o allergologo) anche tenendo conto della sensibilità al nichel, che in alcuni casi può giustificare certe manifestazioni.
Saluti e buona Pasqua,