Utente 512XXX
Salve,
vorrei chiedere alcune informazioni riguardanti una possibile cura da seguire nell'induratio PP.
Circa 3 mesi fa mi è stata diagnosticata questa patologia,e mi è stato prescritto di assumere vit.E (600mg al dì) e mobic da 7.5. Un secondo urologo, a distanza di un po' di tempo mi ha fatto fare 2 scatole di clexane ( che in parte hanno risolto la sintomatologia dolorosa). Ad oggi, continuo con la vit.E , flaconcini di L-Arginina o L-Carnitina, pasticche di zinco, e 2 Trental 400 al giorno.
Ad oggi, non noto ancora nessuna deviazione nè palpabile placca, è rimasto un blando dolore altalenante, ma la paura che possa formarsi il deposito di fibrina è tanta.
Su internet si reperiscono tante informazioni su possibili prodotti che ne possono ridurre la formazione : noruxol ( pomata al collagene), Potaba , Nattokinase( erbe cinesi trattate), colchicina, pasticche di piascledine, ed altro.
Secondo Voi, quanto cè, e se cè qualcosa di vero in tutto cio'.Consigliate qualcosa a riguardo, senza farsi troppe illusioni, nè male al fegato.
Grazie di cuore per i possibili suggerimenti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigino Bellizzi
24% attività
4% attualità
0% socialità
SAPRI (SA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Dipende sempre dall'entita'delle placche fibrotiche valutabili con ecografia ed ecodopller,se non molto grandi miglioramenti si hanno anche con infiltrazioni locali di betametasone e verapamil,su indicazione specialistica.Ciao
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
la verapamide (isoptin f 2 ml) per infiltrazioni "nel cuore della placca, riesce a diminuire e comunque ad arrestare il processo degenerativo della i.p.p.
Auguri!