Utente 146XXX
Salve, scrivo a distanza di circa 2 anni, ma i miei problemi sono ancora presenti.Faccio un breve riepilogo nel 2009 ho avuto la Mononucleosi da li sono iniziati i miei disturbi allo stomaco, con cramp e con reflusso esofageo, e uno rossore alla punta del pene e con prurito nell'orificio e sensazione di bruciore nella minzione.
In questi anni ho attenzionato i sintomi , cercando di fare auto diagnosi :
Sintomi:
Stomaco in movimento , feci non compatte , testa tipo che gira e per ultimo rossore nella pelle interna che copre il glande in alcuni casi bruciore nella minzione e urina che ha un onodore tipo di verdure non so spiegare l'odore , prurito alle emorroidi e e dolori al basso ventre nelle fasi di forte infiammazione.
Visite effettuate:
Gastroenterologo, mi ha dato una cura per combattere il reflusso con omeprazolo per circa 3 mesi.
Urologo: Per quanto riguarda l'Urologo ho consultato due specialisti il primo mi ha dato una crema da mettere sul pene per il rossore , ho descritto i miei sintomi ma non ha preso in considerazione il tutto, il secondo Urologo dopo avergli spiegato il tutto e dicendogli che il rossore al pene mi crea anche problemi nell'erezione facendomi una ecografia e visita interna ha diagnosticato una prostatire, mi ha dato una crura con antiinfiammatori - antibiotici e integratori ma non ha dato nessun effetto desiderato nel senso che i problemi si sono presentati.
Per ultimo ho fatto da poco le intolleranze alimentari per verificare quale alimento mi provocasse questo malessere che parte dallo stomaco e finisce con infiammare le basse vie urinarie.
Le intolleranze riscontrate sono:
Farina di frumento tutti i tipi
patate
pomodoro
melenzana
peperoni

da circa 15gg ho allontanato questi alimenti , nei primi 10gg sembrava andasse tutto bene poco infiammazione nella pelle che ricopre il glande , ma da un paio di gg mi sono ricomparsi i sintomi testa nell'aria e i sintomi sopra descritti.

Capisco che il mio racconto può essere confusionario ma ho cercato di raccontare gli ultimi 3 anni , sono a vostra disposizione per qualsiasi vostra domanda per chiarirvi meglio la mia situazione.
Invierò questo messaggio a specialisti: Urologia - Gastroenterologo - Allergologo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
per qunto riguarda la gastroenterologia lei, come riferisce,soffre di reflusso
(ha fatto una gastroscopia?)
che va trattato con PPI e procinetici.

Per quanto riguarda gli alimenti, noto, a mio avviso, confusione,
infatti lei dice

<< Per ultimo ho fatto da poco le intolleranze alimentari per verificare quale alimento mi provocasse questo malessere che parte dallo stomaco e finisce con infiammare le basse vie urinarie.
Le intolleranze riscontrate sono:
Farina di frumento tutti i tipi
patate
pomodoro
melenzana
peperoni>>

Ebbene devo dirle che queste non sono intolleranze alimentari.

Le intolleranze conosciute e diagnosticabili sono due: al lattosio ed al glutine.

Cosa diversa sono le allergie alimentari.

Lei dice <<cercando di fare auto diagnosi>>,
io glielo sconsiglio vivamente, si affidi solamente a medici competenti.

Saluti.
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta, ho effettuato una visita dal Gastroenterologo ma non ha ritenuto farmi una gastroscopia, per quanto riguarda le intolleranze sono andato da uno specialista Allergologo , mi ha riscontrato queste intolleranze detto da LUI tramite un esame del sangue.
Purtroppo ne il mio medico di famiglia ne altri medici hanno trovato la soluzione a questa mia infiammazione,da qui ho fatto una diagnosi personale:
il tutto fa riferimento a qualche alimento ingerito che attiva un meccanismo nello stomaco che mi provoca rossore al pene prurito alle emorroidi/ano e alcune volte senso di giramento di testa e anche infiammazione alla prostata riscontrata dall'urologo.
Il reflusso gastroesofageo, diciamo che ormai è stato superato, ogni tanto prendo una capsula di omeprazolo.
Mi consigli cosa defo fare o a chi mi posso rivolgere come specialista.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Comprendo le sue difficoltà.

Posso dirle che gli ambiti specialistici son quelli:
Immuno-allergologia e Gastroenterologia.

Posso darle alcune altre indicazioni generali:
l'allergia è un fenomeno piuttosto raro dovuto ad un meccanismo immunologico dell'organismo ed è caratterizzato da reazioni rapide e spesso violente come asma, edema della glottide, rush cutaneo, shock anafilattico, ecc.

L'Allergia è facilmente diagnosticabile con semplici esami del sangue (presenza di IgE), di scarificazione della pelle (RAST) o con il Prick test (prova allergica cutanea)

Mentre le intolleranze conosciute e diagnosticabili sono due: al lattosio ed al glutine. (per la prima si esegue il BT al Lattosio, per la seconda su sangue AGA-EMA-AcAntiTransglutaminasi).

Spero di averle dato qualche idea chiarificatrice in più.

Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Lei cosa mi consiglierebbe di fare( esami /visita) così ne parlo con il mio medico curante.
grazie
[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Intuisco le sue perplessità.

Purtroppo la sua sintomatologia è talmente variegata che non è semplice assimilarla in un sospetto diagnostico ed ogni specialista vede, purtroppo, i disturbi da una propria angolazione.

Nel suo caso ci vorrebbe una figura, che dovrebbe essere il suo medico che, con dati alla mano (accertamenti e visite specialistiche effettuate) dovrebbe fare il punto della situazione ed eventualmente inviarla poi allo specialista di riferimento.

Per noi on line non è semplice, almeno personalmente, dare una parere senza poterla visitare direttamente.

Cordialità
[#6] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
vi aggiorno :
Giovedì sono andato dal mio medico di famiglia e abbiamo fatto il punto della situazione.
Mi ha scritto le analisi del sangue complete + Urinocultura + esami delle feci.
Mi ha detto di prendere un integratore 1 bustina al giorno FLORBERRY PER 10GG, vediamo nel frattempo gli esami e poi facciamo il punto della situazione.
Vi tengo informati.
[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Molto bene. Attendo aggiornamenti.

Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Oggi ho ritirato le analisi, nessun dato rilevante :
Ves 11 0 - 11
Esame urine tutto bene , nessuna crescita batterica.
Abbiamo parlato con il mio dottore di famiglia , non sa più cosa fare o che esami mi dovrebbe fare fare.
Da 2gg sto prendendo il FLORBERRY ma noto che mi porta disturbi allo stomaco un leggero dolore di pancia forse perchè presenta una quantità di fermenti.
Chiedo un Vostro aiuto un consiglio, su cosa fare ed eventualmente io suggerire al mio dottore di famiglia (specialista Gastroenterologia e endoscopia digestiva)
Grazie
[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I fermenti non danno mal di pancia.

Faccia presente il dato al suo curante.

Saluti.
[#10] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
I fermenti mi fanno l'effetto opposto, già riscontrato.
Mi può dare qualche consiglio sul mio caso?
[#11] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
I fermenti mi fanno l'effetto opposto, già riscontrato.
Mi può dare qualche consiglio sul mio caso?
[#12] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Prendo atto delle sue parole ma la questione va verificata da chi è "sul campo",
pertanto esula dalle possibilità del consulto on-line.

Saluti.