Utente 243XXX
Buongiorno a tutti, volevo avere una risposta su un tema quantomai delicato e assai intimo, per cui comprenderete l'imbarazzo che ho nello scrivere.

Io sono un ragazzo ancora vergine, tuttavia quando sono nell'intimità con la mia ragazza capita di masturbarci vicendevolmente.Quello che purtroppo spesso accade è che dopo pochi tocchi della mia ragazza io non riesca a trattenermi e ho l'orgasmo; ho notato che questa cosa avviene anche tramite l'autoerotismo, in quando dopo poco sento lo stimolo e se non mi fermassi qualche secondo arriverei subito all'orgasmo

La mia domanda è: è un segnale che io soffra di eiculazione precoce?

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,i segnali "non sono incoraggianti" ma il recente intervento per circoncisone può dare risultati positivi e,quindi,lasciamo che le esperienze si maturino.Il futuro coito vaginale,favorito dalle secrezioni vaginali,può riservare,gradualmente,dei miglioramenti dei tempi eiaculatori.Consiglierei,comunque,di avvalersi della esperienza di un esperto andrologo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Ma nel caso sia eiaculazione precoce le alternative quali sono? Nel senso, escludendo la causa "fisica" di ipersensibilità quali possono essere le possibili soluzioni?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...esistono metodi empirici (pomate,gel etc.) e terapie farmacologiche (dapoxetina) ma la strategia va decisa da uno specialista reale.Va da se che il coinvolgimento psicologico sia sempre importante.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

come già espresso dal collega la valutazione deve essere contestualizzata all'interno di un rapporto dal "vivo" con lo specialista.

Mi permetto di aggiungere che, qualora non siano presenti cause "organiche" del disagio, sarebbe opportuno dopo la vista andrologica eventualmente consultare uno specialista in sessuologia (medico o psicologo) che possa stabilire un approfondimento anche in tal senso.

[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo ai colleghi nella risposta.
L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza, spesso calibrata alla sua storia sessuale ed emozionale.
Vi sono svariati tipi di e.p., anteportas, intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale), primaria, secondaria, assoluta, situazionale.
Sarebbe opportuno conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia.
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
1-counseling psicologico, con particolare attenzione alla sfera della sessualità.
2-psicoterapia,
3-terapia di coppia ad orientamento sessuologico,
4-trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
5-farmaco on de mand( cioè al bisogno).
Dell'aseptto farmacoterapico, se ne occupa l'andrologo, che la seguirà.
Ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.
Lei è giovane , tracurare un aproblematica significa, tralasciare la salute in generale e sessuale in particolare.

[#6] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
vi ringrazio per le vostre tempestive risposte...Ho deciso che settimana prossima prenoterò un appuntamento da un Andrologo per cercare di risolvere questo problema non proprio di semplice trattazione