Login | Registrati | Recupera password
5/1

Storia con un uomo sposato

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012

    Storia con un uomo sposato

    Spett.li Medicitalia,
    sono una donna di 34 anni. Pensavo che non avrei mai chiesto un consulto o un semplice parere, invece..eccomi qui..affranta, piena di dolore. Amo un uomo sposato, ormai da 4 anni. E' iniziato tutto con una semplice amicizia. Lui era in crisi con la moglie (anche se poi questa "crisi" non l'ho mai capita per davvero) ed io ero il suo confessionale. Giorno dopo giorno ci siamo avvicinati maggiormente e poi innamorati (lui ha 46 anni; la moglie 50).Non mi ha mai parlato di futuro, mai..mentre io speravo ogni giorno che per me lasciasse lei. Premetto che non hanno figli..hanno due ottimi lavori e una bella casa di cui stanno pagando il mutuo. Lui dice che le vuole molto bene e che è una brava donna ma che vivono come "fratello e sorella"..(anche questa frase non l'ho mai capita). Dice di amarmi, tanto..ed è geloso...da morire. Geloso che esca a bere un caffè con un semplice amico, geloso che esca. Per lui ho lasciato il mio fidanzato..una persona buona, dolce..che mi aveva chiesto di sposarlo. Lui, invece, non lascia lei..pur non amandola. Negli ultimi giorni ho mostrato insofferenza e stanchezza..nei confronti di una storia che non va e non viene, che non produce alcun frutto se non attesa, da parte mia. A Pasquetta lui è uscito con lei..sono andati al mare (mi chiedo dove sia la crisi) da soli..io sono rimasta in casa..a 34 anni e con tanta voglia di vivere.Non so cosa sto aspettando e non so come un uomo possa dire di amare una donna alla follia e al tempo stesso essere in CRISI con la moglie e poi dirmi "IO VOGLIO VIVERE. NON HO VOGLIA DI STARE RINCHIUSO IN CASA PERCHE' TU NON VUOI CHE ESCA CON MIA MOGLIE. NON SI PUO' VIVERE COSI'". Mi sono sentita male...io rinunciavo a tutto per lui.uscivo prima da lavoro, ogni venerdi' (addirittura rischiando che il capo ufficio se la prendesse) e lui di punto in bianco mi dice questo. Perchè? Cosa ho fatto di male? io desidero un uomo tutto per me..una famiglia, dei bambini. E sto male...la mia gastrite non migliora..e in casa, con i miei genitori, risulto spesso intrattabile. Scusate lo sfogo..vi ringrazio. Federica



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 296 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Federica,
    comprendo il suo dolore, ma purtroppo le storie con uomini sposati non danno in genere certezze.
    E' frequente che denuncino un matrimonio in crisi, una relazione piatta e senza intimità, il che a volte può anche essere vero, per carità, ma il trascinare una relazione extra coniugale per anni senza prendere posizione dovrebbe farla riflettere.

    Lei d'altronde sembra maturare riflessioni su questo rapporto dal quale non sta ottenendo certezza alcuna nè per il presente, né tantomeno per il suo futuro e che oltretutto la sua vita sentimentale e amicale girerebbe in funzione di questo rapporto con le conseguenze che ha descritto. E' così?

    Sarebbe utile che lei riflettesse sui motivi per i quali si è spinta in un rapporto di questo tipo, sui suoi bisogni affettivi, su cosa realmente vuole dalla sua vita, da un rapporto di coppia,dal suo futuro. Se vuole davvero stare in una situazione come questa o prendere diverse decisoni.

    Che ne pensa?





    Dr.ssa Laura Rinella
    Psicologa Psicoterapeuta
    www.psicologia-benessere.it

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentile Dott.ssa,
    mi sento come ad un bivio, distrutta, depressa, rassegnata...come se non fossi più padrona della mia vita. Son crescita circondata da un amore assoluto, quello dei miei genitori..che mi hanno regalato valori inestimabili, preziosi.
    Le parole di lui "IO VOGLIO VIVERE" mi hanno fatto sentire un mostro. Gli ho regalato momenti della mia vita..giorni, ore. E per un pò di gelosia e , forse, per il mio chiedere troppo mi sta allontanando. Poco fa mi ha scritto che "voglio toglierli la libertà". Io? Per me la libertà è preziosa..in qualsiasi rapporto umano e non cercherei di toglierla a nessuno. Gli e l'ho spiegato, anche poco fa ma lui sembra non capire. M'incolpa di volergli togliere l'aria. Non è ciò che voglio..io non sono così.



  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Tutto, ha ragione lei..gira attorno a lui. Lui è gelosissimo (io non posso dimostrare di essere altrettanto gelosa. Devo soffocare i miei sentimenti)...se per caso dovessi dirgli "stanotte uscirò" , dovrei dimostrargli (con tanto di foto scattate con il telefonino) con chi trascorro la serata. Desidero soltanto un amore maturo ora..una famiglia e un figlio...il problema è che li vorrei con lui..con lui che ha sempre detto di non amare la moglie e di non essere amato.



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 94 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2012
    Cara Federica,
    essere " l'altra" può essere fantastico, ma mi spiace dirlo è indispensabile mettere in conto, subito ,che lui non ci sarà a natale pasqua pasquetta ferragosto..per cui è necessario sentirsi un pò meno coinvolte, un pò più realiste, per non dire un pò più forti o più ciniche , secondo i punti di vista.
    Sentirsi dire .."voglio vivere " a me fa accendere subito un campanello d'allarme..godere questo amore si può, ma un pò più difesa ,un pò più lucida, non è qui che potrà aspirare all'amore assoluto..
    Questa è una nuvola rosa che passa per il suo cielo , la guardi, ne sia felice,, se ne avvolga anche, ma pensare di afferrarla , tenerla stretta ..no ..
    Intanto esca, bella e sicura, lui è geloso, pazienza,con che diritto poi.. lei gli sta illuminando il matrimonio invero..
    Dietro l'angolo c'è la vita..
    Con molti auguri



    Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
    Psicologo, Psicoterapeuta

  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 296 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Federica,
    racconta di un rapporto dove non c'è reciprocità, nel quale lei è costretta a soffocare i suoi sentimenti, a limitare la sua vita e la sua libertà, a stare alle pretese del suo lui che si può permettere di esercitare un certo tipo di ruolo nel rapporto. Ma chi gliel'ha concesso?

    Perdoni la franchezza, ma penso che il suo sogno romantico di una famiglia con quest'uomo dovrebbe essere portato su un piano di maggiore realtà e consapevolezza, al di là dell'amore che sembra venirle proclamato, tra l'altro molto più a parole che a fatti concreti.

    Ma non si rassegni, è suo diritto pensare ad un futuro come lei lo desidera, anche se sarebbe utile domandarsi quanto possa essere possibile con la persona a cui ora è legata.

    Le faccio molti auguri affinché lei possa riuscire a trovare presto la sua serenità.





    Dr.ssa Laura Rinella
    Psicologa Psicoterapeuta
    www.psicologia-benessere.it

  7. #7
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Grazie per i preziosi consigli... Pensate quindi che debba allontanarmi da lui o quantomeno cercare di farlo? anche perchè lui è sempre stato al centro del mio mondo...dei miei pensieri. Mi sono sempre semtita in colpa..ogni volta che uscivo con amici o semplicemente a mangiare un gelato con un amico (con cui non succedeva mai nulla ovviamente , anche perchè mi son sempre sentita "sua").
    Da dove posso iniziare?da dove posso attingere un pò di autostima?



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 296 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Noi da qui possiamo magari aiutarla riflettere, ma è a lei che spetta decidere il da farsi, magari armata di una nuova consapevolezza.

    Da dove posso iniziare?da dove posso attingere un pò di autostima?

    Dal mio punto di vista sarebbe utile riflettesse su quanto abbiamo già esposto e sul fatto che se una persona si comporta in un certo modo verso un'altra è perché magari questa glielo concede.
    Riflessioni più utili potrebbero avvenire con uno psicologo in carne ed ossa, rispetto a qui che non la conosciamo direttamente.

    Cari saluti


    Dr.ssa Laura Rinella
    Psicologa Psicoterapeuta
    www.psicologia-benessere.it

  9. #9
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Federica,
    "vivere la distanza" è la condizione più complessa e difficile delle relazioni "altre".
    Sono solitamente relazioni, che si nutrono di mistero, di zone d'ombra, di grande passionalità e soprattutto di assenza di quotidiano, che alla lunga compromette il desiderio.
    Spesso l'amante, mantiene in vita il matrimonio, rappresenta la boccata d'ossigeno, fuori dai confini geografici del matrimonio,che regge proprio il matrimonio.
    Le allego, un mio articolo, sull'argomento.
    Sia più egoista e valuti costi e benefici di quest'amore.
    L'amore inoltre è per uominili liberi.

    http://www.valeriarandone.it/home/articoli/104-tradimento2


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  10. #10
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentili Dottori,
    ho affrontato il problema (di cui vi ho abbondantemente parlato nelle discussioni precedenti) con lui, l'uomo sposato di cui sono innamorata. Gli ho parlato dei miei desideri, della voglia di avere una famiglia con lui o perlomeno un rapporto "normale", alla luce del sole, senza dover elemosinare briciole di tempo.
    Gli ho chiesto perchè volesse tenere sia me che la moglie...e gli ho chiesto di aiutarmi...ad allontanarmi..se potesse servire a qualcosa. Ha cambiato discorso "il 25 aprile andrò in moto"...ho chiesto "con lei?" e lui "Certo". Come se fosse scontato. Ed io saro' sola. Mi ha domandato poi "Tu non uscirai?". Dal momento in cui gli ho professato parole profonde d'amore e gli ho rappresentato il mio desiderio di vivere con lui ha iniziato ad essere più accondiscendente sulle mie uscite. Mi ha spronato addirittura ad uscire, a non stare in casa. Ora sinceramente non so che fare ma penso che se non riuscirò IO a prendere una decisione..la situazione andrà avanti ancora per molto molto tempo. Grazie ancora per i preziosi consigli.



  11. #11
    Indice di partecipazione al sito: 201 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gent.le ragazza,
    la relazione che descrive sembra "sospesa" in un eterno presente che preclude qualsiasi evoluzione futura. Aspettarsi che sia il suo partner a interrompere il "circolo vizioso" è alquanto improbabile, appena ha avvertito il rischio del suo allontanamento si è precipitato ad "allentare la corda" per evitare che prima o poi si spezzi, facendo leva sui suoi sentimenti.
    Se da sola sente di non riuscire ad affrontare la situazione, forse è arrivato il momento di consultare uno psicologo-psicoterapeuta, le relazioni connotate da dipendenza affettiva possono essere patogene e la sua gastrite è già un segnale d'allarme che non andrebbe ignorato.


    Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
    Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Teramo
    www.psicoterapeuta-pescara.it

  12. #12
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Lei quindi pensa non ci sia possibilità che lui lasci la moglie? a volte mi illudo che ciò possa accdere prima o poi..però lui cambia sempre discorso. E intanto i miei dolori continuano ad aumentare giorno dopo giorno. Così tanto da non riuscire a dormire la notte.



  13. #13
    Indice di partecipazione al sito: 94 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2012
    Cara ragazza, lui esce in moto con la moglie, non va insomma a fare un giretto sotto casa, non ci sarà passione, ma interessi comuni forse sì.
    Lei si sta facendo del male, cara, si accontenta di tutto, come vede tutti i colleghi hanno dato risposte simili tra loro anche se con appartenenze diverse.
    Io comincio anche a pensare che da parte di questo lui, ci sia una dinamica di potere .. non sarà che più lei si dispera e gli dice " profonde parole d'amore"più lui si sente veramente onnipotente ?
    Si faccia aiutare almeno con una consulenza da un collega , questo lo deve alla sua giovinezza, sprecata,
    e al suo futuro.
    Auguri davvero..





    Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
    Psicologo, Psicoterapeuta

  14. #14
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    E' vero..come dice lei, Dott.ssa Muscarà Fregonese, lui si sente onnipotente. Io sto male, mi dispero, gli chiedo per quanto ancora durerà questo tormento..e quando gli chiedo "vorreti tanto vivere con te e costruire un progetto di vita insieme" lui mi risponde " ti stancheresti subito". C'è una sorta di tira e molla tra di noi...ed il silenzio da parte sua..non si pronuncia mai. Mi trovo come di fronte ad un baratro...la paura di cadere, precipitare giù è tanta..ma lo è anche la voglia di "vivere".



  15. #15
    Indice di partecipazione al sito: 296 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    "ma lo è anche la voglia di "vivere".!
    Allora prenda per mano questa sua voglia e la assecondi, credo che l'aiuto di un collega in presenza le possa essere molto utile per fare chiarezza in lei e riflettere su questo rapporto in modo più adeguato rispetto al mezzo virtuale per via dei limiti che per sua natura impone.

    Cari auguri


    Dr.ssa Laura Rinella
    Psicologa Psicoterapeuta
    www.psicologia-benessere.it

  16. #16
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    E se il suo lui avesse ragione?
    Se il vostro " tendere verso" fosse il motore potente della vostra unione?
    Se l' asimmetria della relazione , basata sul potere, dominio, sottomissione, attesa e desiderio, si trasformasse in un noioso quotidiano.?
    Si e' chiesta se il non averlo tutto per se' , ampliica il sentire ?
    La sua presenza nella sua vita e soprattutto nel suo matrimonio, lo rende potente, onnipotente, nutre il suo narcisimo ed arte amatoria e, tiene in vita il suo matrimonio.
    Non consumi questa storia fino a consumarsi lei, la clandestinita' ha un suo amaro potere ineguagliabile.
    Rifletta, anche se fa male.


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  17. #17
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    gentili dottori,
    vi scrivo con una tristezza immane e le lacrime agli occhi.
    La mia storia è terminata..e non per mia scelta. Per un suo capriccio.
    Ieri , dopo una mattinata domenicale trascorsa a casa a non fare nulla, spinta dalle richieste di mia sorella, sono andata con lei in un centro commerciale (che dista un paio di km da casa, giusto 3). Dvevamo acquistare il regalo per mia madre, un regalino di compleanno. Sono uscita di corsa...e non ho inviato nessun sms a lui. (premetto che continuavamo a mandarci sms , la moglie era dai genitori). Ad un crto punto mi scrive "TI CHIAMO?" ed io "CERTO". Ho risposto e lui con tutto seccato "DOVE SEI?"... ed io "AL CENTRO COMMERCIALE.SIAMO VENUTE AD ACQUISTARE UN REGALINO PER IL COMPLEANNO DI MIA MADRE, DOMANI". Ha iniziato a offendermi...io volevo nascondere qualcosa con la mia uscita..magari dovevo incontrare un uomo o chissà chi. Non gli ho inviato un sms ma comunque gli avrei detto che ero al centro commerciale..non avevo nulla da nascondere. Mi ha chiesto di non cercarlo più. Gli ho addirittura inviato una REGISTRAZIONE in cui mia sorella affermava che ero con lei per negozi. Mi ha scritto "SEI INAFFIDABILE. ERI CON QUALCUNO. QUESTE SONO USCITE SEGRETE". . Ho cercato di farlo ragionare..io amo solo lui ma non c'è stato verso. E ora mi viene da piangere..non ho cenato nè pranzato. E per un attimo ho accarezzato l'idea di non voler più vivere.



  18. #18
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    I traditori seriali o occasionali, proiettano sull'altro\a il proprio modus operandi.
    Una relazione così asimmetrica e così sperequata, non poteva che portarle solo sofferenza.
    Più che un 'amore mi sembra un sequestro di persona!



    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  19. #19
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    non dovrei inviargli nessun sms nè cercarlo in altri modi, secondo lei?



  20. #20
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Secondo me, la cosa migliore che le potesse capitare è essere stata lasciata.
    Le ha fatto un grande favore, sostituendosi alla sua volontà fluttuante.
    Esca a festeggiare!
    Un abbraccio


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  21. #21
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentili dottoresse,
    gli ho inviato sms di scusa..(non so per cosa) e di amore. Mi ha risposto di non cercarlo più ("lasciami in pace, cioè non cercarmi più"). E soltanto ieri pomeriggio (prima che io andassi al centro commerciale...è assurdo) mi scriveva che mi amava. Non so cosa pensare. Scusate i miei sfoghi..ma credevo mia amasse e che non si potesse lasciare una persona per futili banalità. Non so che spiegazione darmi...aiutatemi vi prego. E scusate ancora.



  22. #22
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    La speigazione può essere duplice:

    1-ha colto l'occasione per chiudere una relazione altra dal matrimonio.

    2- facendola soffrire, mantiene il potere su di lei, lui sposato e lei sola!
    lui adultero e geloso e lei sottomessa!



    Rifletta, se non riesce da sola per il troppo dolore, si faccia aiutare da un clinico.


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  23. #23
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Come si sente questa mattina?
    E' riuscita a dormire?


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  24. #24
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Buongiorno dottoressa Randone,
    purtroppo non solo non sono riuscita a dormire ma gli ho inviato pure sms per sapere cosa mai avessi fatto di male. Certo..ho sbagliato in parte non scrivendogli "Sto andando a comprare un regalo per mia madre con mia sorella". Ma penso che in fondo una cosa del genere possa essere perdonata. Non mi ha risposto. Assoluto silenzio. Non mi ha mai chiesto scusa per questi suoi comportamenti. Premetto che è molto orgoglioso. Ma cio che è successo domenica è una sciocchezza. Chi risponde al telefono, non ha nulla da nascondere e certamente non avrei mai risposto se fossi stata , come dice lui, con un altro uomo. (non sarei andata in un posto affollatissimo come un centro commerciale e non gi avrei nè risposto nè telefonato.
    E' semplicissimo, almeno per me, da capire.
    Mi son spesso incolpata, troppe volte..mentre lui è sempre uscito con la moglie. Io per lui ho allontanato degli amici..ho evitato di uscire a bere un caffè con un ragazzo (un semplice corteggiatore), ho trascorso Pasquette, Feste in casa. Per cosa? per venire lasciata così per una semplice uscita in un banalissimo Centro Commerciale a due passi da casa, in compagnia di mia sorella (di cui ho registrato ed inviato la voce..a lui). Mi sembra tutto così assurdo.



  25. #25
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Ho sempre pensato, sperato, che lui fosse diverso dagli altri uomini e che un giorno avrebbre lasciato lei per me. E a volte ho pensato di raccontare tutto a lei. Avrebbe dovuto vedere la sua faccia un giorno quando gli dissi "Io non voglio più nascondermi. Sarei disposta anche a parlarne con lei". Mi rispose "mi vuoi ricattare?". Che tristezza. Mai ho pensato di ricattare un uomo...tantomeno lui, in nome di quell'"amore" che c'è stato.



  26. #26
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Comprendo il dolore e lo sonforto, ma non capisco il suo livello di sottomissione estrema, anche a scapito del suo buon senso e salute psichica.
    Statisticamente gli uomini sposati non lasciano le mogli, se non obbligati o scoperti.
    Le amanti, non transitano dalla dimensione di adultere a compagne o mogli, ma servono e molto, per far durare il loro matrimonio,
    Valuti l' ipotesi di farsi seguire da uno psicologo, per trasformare la crisi in risorsa.
    Cari auguri.


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  27. #27
    Indice di partecipazione al sito: 94 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2012
    Mi dispiace che tutto sia avvenuto così brutalmente, dopo anni di lavoro con casi simili al suo, in molti le abbiamo detto che la storia non aveva futuro e si è infatti chiusa, con arroganza e slealtà da parte di lui.
    Nonostante la sua dedizione e l'amore e anche la sua dipendenza.

    Niente più spiegazioni, scuse, ma di cosa poi..
    Non si faccia mettere in colpa..! scherziamo ..
    Le serve un aiuto, subito, per uscirne..
    Gli uomini non sono tutti uguali,
    può avere di meglio,

    un uomo libero e gentile, innamorato e rispettoso per esempio.

    Dovrà riflettere perchè ha accettato di pagare così caro l'amore.. e ripartire da se stessa.
    Da questo dolore uscirà più forte ..
    Cari auguri


    Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
    Psicologo, Psicoterapeuta

  28. #28
    Indice di partecipazione al sito: 296 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Federica,
    è un momento difficile per lei, ma se riesce ne tragga consapevolezza rispetto al modo in cui si è posta in questo sperequato rapporto, al ruolo che ha assunto, al suo colludere con l'attribuzione da parte di quest'uomo di colpe a suo carico, inesistenti.

    L'aiuto diretto di un collega sarebbe auspicabile per fare chiarezza in lei, oltre che per rimarginare le ferite di una relazione tossica che sembra esserle costata davvero troppo cara e per affacciarsi al futuro armata di nuova forza e consapevolezza.

    Cari auguri per un futuro sereno.


    Dr.ssa Laura Rinella
    Psicologa Psicoterapeuta
    www.psicologia-benessere.it

  29. #29
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentili dottori,
    lui si è fatto sentire e mi ha scritto di non cercarlo più ed un sms "Quando hai scritto o telefonato eri sola. Io contesto la tua esigenza di uscire di nascosto...preclude altro. STOP. Disintossicati di me.Bugiarda e inaffidabile". Questo il suo ultimo sms. Mi ha distrutta.



  30. #30
    Indice di partecipazione al sito: 201 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gent.le Sig.ra,
    provi a considerare questa rottura un'opportunità per svincolarsi da una relazione manipolatoria e strumentale, che poteva "intrappolarla" ancora per molto tempo.
    L'aiuto di uno psicoterapeuta le consentirà di iniziare a prendersi cura di sé, non solo per "curare" le ferite lasciate da questa relazione, ma per sviluppare l'autoconsapevolezza dei propri bisogni affettivi necessaria per instaurare relazioni interpersonali significative ma sopratutto simmetriche, ossia "alla pari".
    A tal proposito le consiglio la lettura di questo articolo:
    http://www.medicitalia.it/minforma/Psicoterapia/153/Perche-iniziare-una


    Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
    Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Teramo
    www.psicoterapeuta-pescara.it

  31. #31
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentili dottori,
    vi scrivo di nuovo dopo un periodo un pò triste. Ho rivisto lui. Gli ho chiesto ulteriori spiegazioni...gli ho fatto domande (a cui ovviamente non ha potuto o voluto rispondere). Gli ho professato ANCORA il mio amore. Era come avere un muro di fronte..una persona sorda. Gli ho chiesto di darmi risposte che non mi tenessero su di un filo ma niente. Ho detto di amarlo e di volere una vita con lui. Mi ha risposto "NON SEI MAI CONTENTA". Contenta di cosa? ho solo briciole. Ho contattato uno psicoterapeuta. Forse è il caso che pensi a me stessa. Quest'uomo mi sta rovinando la vita...mi tiene sospesa, sempre in attesa di qualcosa che non verrà mai...sempre in ansia...mentre lui sta organizzando un viaggio con la moglie. Sono al limite delle mie forze e penso che se non darò una scossa ora alla mia vita, ora che ho 34 anni, forse non ce la farò più. Sento , a volte, di tante donne che restano accanto ad uomini per anni e anni...uomini che non riescono o semplicemente non vogliono abbandonare una moglie che DICONO di non amare più. Ho solo 34 anni e tanta voglia di avere una famiglia.
    Scusate per lo sfogo e grazie ancora per i preziosi consigli.



  32. #32
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Bene he abbia contattato una psicoterapeuta.
    Legga questo mio articolo e guardi da quante persone e' stato letto....tante donne, soffrono per amore.
    La psicoterapia e' la strada maestra.
    Le auguro ogni bene .


    http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/2231/Amo-un-uomo-sposato-


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  33. #33
    Indice di partecipazione al sito: 201 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gent.le ragazza,
    credo che il silenzio di quest'uomo sia la risposta più eloquente, la presa di coscienza era necessaria da parte sua, ora dovrà affrontare una separazione, sarà doloroso ma da questa sofferenza ne uscirà cambiata, migliore e pronta ad instaurare relazioni affettive che non facciano a meno della reciprocità e del rispetto.


    Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
    Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Teramo
    www.psicoterapeuta-pescara.it

  34. #34
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentili dottori...ci sono ricascata, come una stupida, all'allocca. Con dolcezza e con furbizia da parte sua, forse, è riuscito a farmi capitolare di nuovo. E di nuovo si sono creati problemi e dissapori. La scorsa settimana (causa il mio lavoro e i miei studi...avrò un importante concorso pubblico a breve) non ci siamo potuti vedere. Lui si è offeso. Ieri gli ho chiesto di vederci e mi ha detto di no..per ripicca. Poco fa la sua telefonata "Se la storia continua così è meglio non vedersi più. Mi sta diventando pesante. Hai sempre troppe pretese..pungi in continuazione e vuoi litigare". Ma non è così...non desidero litigare..vorrei solo che lui mi facesse capire la sua posizione, da che parte sta, cosa vuole da me e dalla vita. Per questo sto diventando pesante. E' tornato lui...professandomi amore eterno e ora dice a me che sono pesante e che è meglio chiuderla qui. Un tira e molla continuo. Una lunaticità assurda, devastante , lacerante.
    La telefonato è terminata con una frase "Stasera andrò a comprare un regalo per il matrimonio di un amico, a settembre". Settembre...cio significa che io non ci sarò neppure allora.



  35. #35
    Indice di partecipazione al sito: 1017 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Oltre che dispiacerci per lei, le indicazioni rimangono le stesse dello scorso consulto.


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  36. #36
    Indice di partecipazione al sito: 52 Psicologo
    Risponde dal
    2012
    ___________________________________
    ... Lui era in crisi con la moglie (anche se poi questa "crisi" non l'ho mai capita per davvero) ...

    ... Lui dice che le vuole molto bene e che è una brava donna ma che vivono come "fratello e sorella"..(anche questa frase non l'ho mai capita)...

    ... Per lui ho lasciato il mio fidanzato..una persona buona, dolce..che mi aveva chiesto di sposarlo. Lui, invece, non lascia lei..pur non amandola...

    ... A Pasquetta lui è uscito con lei..sono andati al mare (mi chiedo dove sia la crisi) ...

    Non so cosa sto aspettando e non so come un uomo possa dire di amare una donna alla follia e al tempo stesso essere in CRISI con la moglie e poi dirmi "IO VOGLIO VIVERE. NON HO VOGLIA DI STARE RINCHIUSO IN CASA PERCHE' TU NON VUOI CHE ESCA CON MIA MOGLIE. NON SI PUO' VIVERE COSI'". Mi sono sentita male.... io rinunciavo a tutto per lui.uscivo prima da lavoro, ogni venerdi' (addirittura rischiando che il capo ufficio se la prendesse)...

    *******************************************************************************
    Forse è il caso che pensi a me stessa. Quest'uomo mi sta rovinando la vita...mi tiene sospesa, sempre in attesa di qualcosa che non verrà mai...sempre in ansia...
    *******************************************************************************
    ____________________________________________________

    Gentile Utente,

    si direbbe che Lei abbia capito fin dall'inizio che tipo fosse quest'uomo, eppure ha continuato a frequentarlo ugualmente.

    Da come lo ha descritto appare chiaramente come un manipolatore, che si approfitta sistematicamente della Sua bontà e del Suo desiderio di essere amata, facendola passare per colpevole di torti che ha commesso lui, e che si sollazza tenendo sfacciatamente i piedi in due scarpe.

    Ho l'impressione che una persona come Lei meriti di stare con qualcuno che sia decisamente meglio di un simile individuo, e spero che presto possa cominciare a crederci anche Lei.

    Magari rinforzando il Suo _amor proprio_ potrebbe riuscire a non cedere più così facilmente alle false lusinghe, a dare il necessario peso a ciò che i fatti Le dimostrano continuamente, e a comportarsi di conseguenza.









    Cordiali saluti
    Dr. Stefano Repici
    www.drstefanorepici.altervista.org

  37. #37
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentile Dr. Repici,
    pensa che dunque quest'uomo non possa provare amore nei miei confronti? Ho mille dubbi che mi attanagliano la mente. Sapere che per lui sono un peso...perchè ho mille pretese (io chiedo solo amore e di sapere CHE RUOLO HO IO NELLA SUA VITA), mi fa stare male, molto. Le mie sono solo richieste d'amore. Gli son sempre stata accanto. Due settimane fa circa morì il suocero..lui mi chiese di vederci. Risposi di no...mi sembrava il minimo...e non era il caso. Dice di non avere nessun senso di colpa per la moglie..io invece, pur non conoscendola, muoio ogni giorno per i sensi di colpa. Dice che è SOLO in casa (nessun dialogo con lei, nessun rapporto fisico da almeno UN ANNO..cosa che mi pare improbabile), dice che mangiano separatamente, che lei è fredda con lui. Poi con la lunaticità che lo contraddistingue afferma "quando mia madre sta male , lei non si degna di fare una telefonata. Non sai quanto mi da fastidio questo. Ci sto male". NON LA AMA PERO' CI STA MALE. Io non capisco più nulla..



  38. #38
    Indice di partecipazione al sito: 201 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    Gent.le Sig.ra,
    continuare a raccontarci on line situazioni che sta vivendo non la mette in condizioni di avviare un processo di elaborazione degli aspetti disfunzionali della relazione.
    La mia precisazione è solo un invito a non rinviare il momento in cui iniziare a prendersi cura di sé in un momento di notevole confusione nella sua vita.
    A tal proposito le allego il link con le informazioni utili a prendere contatto con il Consultorio della sua ASL, dove potrà prenotare un colloquio con uno Psicologo.


    Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
    Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Teramo
    www.psicoterapeuta-pescara.it

  39. #39
    Indice di partecipazione al sito: 1120 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2008
    Forse non le è chiaro che continuando a illudersi di poter trovare online la soluzione al suo problema, sta continuando ad alimentare il suo atteggiamento che la fa illudere più in generale.

    Deve rivolgersi a un professionista di persona se ritiene di aver bisogno di aiuto.




    Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
    Specialista in psicoterapia breve strategica
    www.giuseppesantonocito.it

  40. #40
    Indice di partecipazione al sito: 201 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2010
    http://www.aslcagliari.it/index.php?xsl=20&s=8&v=9&c=2662&a


    Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
    Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Teramo
    www.psicoterapeuta-pescara.it

  41. #41
    Indice di partecipazione al sito: 52 Psicologo
    Risponde dal
    2012
    Gentile Signora,

    quelle che Lei chiama pretese sono solo i Suoi sacrosanti diritti, dato che in un rapporto di coppia ci deve essere anche il rispetto _reciproco_, e qui mi pare che da parte di lui ce ne sia ben poco.

    Probabilmente Le vuol bene, ma a modo suo.

    Mi pare che Lei nutra aspettative più che legittime, ma da una persona che non glie le può dare.

    Provi a prendersi un periodo di riflessione e si guardi un po' intorno; ci saranno pure delle brave persone con cui allacciare sane amicizie, no?

    Allarghi la Sua cerchia di conoscenze, cosa che è fondamentale per uscire da questo circolo vizioso.


    Cordiali saluti
    Dr. Stefano Repici
    www.drstefanorepici.altervista.org

  42. #42
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Gentilissimi Dottori,
    v'invio questa breve lettera per ringraziarvi per ciò che le vostre parole hanno saputo dare e fare alla mia personale esperienza.
    Sono ormai settimane che ho deciso di allontanarmi da quell'uomo, dopo l'ennesimo episodio di gelosia ossessiva e di arroganza da parte sua ( una mattina gli scrissi che sarei andata in bicicletta al mare con mia sorella..poi i programmi cambiarono ed io e mia sorella andammo al mare in auto con un'amica. Mi accusò di dire bugie, di falsità e di nascondere "un uomo").
    Da quel giorno ho iniziato ad uscire molto più spesso, ad andare al mare senza dover rendere conto a nessuno, ad allargare la mia schiera di amicizie.
    Ho conosciuto un ragazzo, di qualche anno più grande di me...intelligente, affettuosissimo e single. Ora esco con lui ed un gruppo di amici..andiamo in spiaggia, a fare escursioni e a settembre abbiamo organizzato un piccolo viaggetto di 4 giorni fuori dai confini della mia Regione. Con questo ragazzo non c'è nulla, solo amicizia..ma sto bene e mi piace come persona.
    Mi sono stancata di vivere a metà. E soprattutto di non uscire, di dover sempre rendere conto ad un uomo che dorme e vive e viaggia con la moglie.
    Lui di risposta nell'ultimo sms mi ha descritto come una bugiarda che vuole nascondere "altre storie" "altri uomini" "altarini e segreti"...io invece voglio vivere. E sto cercando di farlo. Lui pensa di me le peggiori cose...pensa io sia inaffidabile. Io? e cerca di farmi sentire in colpa. Ma non voglio cedere. Sono stanca di vedermi ai suoi piedi e benchè ancora il dolore e le ferite non si siano rimarginate, voglio credere che ciò accadrà presto.
    Un grazie di cuore a tutti.




  43. #43
    Indice di partecipazione al sito: 52 Psicologo
    Risponde dal
    2012
    Bene, è sulla strada giusta! Continui così.


    Cordiali saluti
    Dr. Stefano Repici
    www.drstefanorepici.altervista.org

  44. #44
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    Buongiorno,
    ieri è stata una bella giornata di mare e di sole, nonostante il vento di maestrale soffiasse forte.
    Ho trascorso la giornata in spiaggia con questo ragazzo conosciuto da poco e una coppia di amici. Ad un certo punto è arrivato lui..con la moglie...stessa spiaggia.
    Mi ha guardata male e dopo in un sms mi ha scritto "sei inaffidabile. Addio per sempre".
    Mi ha vista con un altro e questo è bastato a lui..
    La moglie era serena, ignara di tutto, sorridente.
    Ed io ora mi sento un mostro...pensavo di aver iniziato a superare tutto invece....



Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29/12/2011, 17:01
  2. Scrivere un diario
    in Psicologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25/09/2012, 09:25
  3. Grazie
    in Psicologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27/09/2012, 17:39
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14/10/2011, 11:45
  5. Io
    in Psicologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07/09/2011, 22:27
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,41        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896