Utente 237XXX
Salve,
ho 34 anni, ho sempre sofferto di fragilità ungueale ma mentre anni fa era a fasi alterne e batava prendere della cistina, attualmente non c'è cura che tenga.
Da mesi ho seguito le seguenti cure:
ho iniziato con BIOMINERAL UNGHIE e non è cambiato nulla, a seguire....
NAILS CAP per 2 mesi ed ECOCELL e nessun risultato, a seguire CISTIDIL per 3 mesi, migliorato un pò ma appena ho smesso la cura è ritornata la stessa situazione di prima.
l'ultima cura fatta per 20 gg BIOELASTIC capsule e nessu risultato.
Sono stanca, tra l'altro questi integratori costano molto! tutte le cure mi sono state date dal dermatologo che ha riscontrato una onicolisi. In realtà guardando le foto le mie unghie corrispondono a quelle affette da ONICOSCHIZIA LAMELLINA..
non so se può essere utile per la diagnosi ma soffro anche di dermatite al cuoio capelluto e ce l'ho quasi fissa, a volte piu forte, altre meno. il mio dermatologo non me la fa curare. io credo che lui sia stato superficiale nella diagnosi e io sono stanca di imbottirmi di integratori che non mi fanno guarire. Mi date un consiglio? a chi posso rivolgermi di più valido? Io vivo a Salerno.
grazie sono preoccupata che la cosa celi altre patologie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
innanzitutto la tranquillizzo: la fragilità ungueale nella fattispecie della onicoschizia a lamellina non nasconde altre patologie ma è l'espressione di una disidratazione della lamina ungueale , classicamente a seguito di contatto con liquidi e detergenti (ad esempio se deve lavare a mano molto spesso).
Sono d'accordo con lei sull'inutilità degli integratori come avrà conferma leggendo le pagine di questo sito. La mia opinione è naturalmente condivisa dai più.
Se di vera fragilità ungueale si dovesse trattare è molto importante la prevenzione quindi, solo per fare un esempio, indossare guanti di cotone sottili e - sopra - guanti di gomma al fine di ridurre il contatto con acqua e detergenti. Le dicevo, tanto per fare un esempio.
Abbiamo in molte occasioni ribadito l'impossibilità da parte nostra di fornire indirizzi di Colleghi a meno di casi straordinari. Il cattivo rapporto che lei ha con il suo specialista penso sia alla base della sua frustrazione: le cose di cui riferisce sono molto semplici per cui, verosimilmente, sarà sufficiente trovare un'altra figura di riferimento e basta.
Cordialissimi saluti

[#2] dopo  
Utente 237XXX

Iscritto dal 2012
Innanzitutto la ringrazio per la delucidazione. Nel frattempo sono ritornata dal dermatologo e mi ha confermato che soffro di dermatite seborroica e che la fragilità ungueale ne e' una conseguenza e ne soffrirò per sempre, ( dice che in effetti e' un inizio di psoriasi) diminuirà con il sole e il mare.
E ovviamente mi ha prescritto integratori a vita. Bioelastic compresse, da prendere più o meno per sempre e una crema trehalose per il viso.
E' passata una settimana, nessun esito positivo: il cuoio capelluto afflitto da crosticine e bruciore, i soliti brufolini sul petto e le unghie sempre peggio. Non sono casalinga, non vengo a contatto con detersivi ma certamente con detergenti. Forse potrebbe consigliarmene uno specifico?.Quello che volevo capire e chiederle... E' realmente inguaribile la mia condizione? Se devo conviverci imparerò a farlo e a trattare la mia pelle e le unghie con maggiore attenzione.