Utente 166XXX
Buongiorno,
sono un uomo di 36 anni, sportivo da sempre. Circa 4 anni fa (dopo un viaggio ad alte quote ) ho iniziato ad accusare fastidi al petto lato sinistra in zona capezzolo e a soffrire di soventi extrasistole. Feci tutta una serie di accertamenti ( ecg, ecg da sforzo, holter, ecocuore e risonanza magnetica ), tutto risultava nella norma se non un'anomalia congenita del pericardio che pare non sia del tutto formato( agenesia parziale ); il cardiologo mi disse che poteva essere quello il motivo dei miei sintomi e delle mie aritmie. Fattosta che dopo qualche mese con solo un leggero utilizzo di betabloccanti tutto svanì pian piano.
Da allora questi sintomi si sono ripresentati di tanto in tanto ma sempre in tono minore e per pochi giorni, sopratutto giornate con extrasistole.
Adesso ( da una settimana circa ) tale sintomatologia è tornata in maniera più marcata, ed in particolare il fastidio ( non dolore ) sempre in zona capezzolo sx, alcune giornate zeppe di extrasistole, frequenza che rimane un pò troppo alta ( 80/90 b/m ) per diverse ore dopo l'attività sportiva con enorme difficoltà nel prendere sonno. Pochi mesi fa ho superato tranquillamente la visita medico-sportiva con i relativi esami ( ecg a riposo, cicloergometro,ascolto del cuore, urine ect ).
Vorrei avere un vostro parere in merito prima di sottopormi a questo punto ad una nuova visita cardiologica.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo la lieve alterazione anatomica del pericardio potrebbe esser effettivamente, soprattutto durante i cambi di stagione, esser causa dei dolori e delle relative extrasistoli. Utile una valutazione cardiologica, sulla necessità o meno di una farmacoterapia, in genere comunque non indicata. E' molto probabile che lei debba condividere a lungo con tali fenomeni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la sua cortese risposta, mi potrebbe indicare quali metodi di indagine sarebbero più appropriati in questo caso ?
Saluti.