Utente 247XXX
egregi dottori,cercherò di essere breve e chiaro.ho 27 anni e dopo essere passato per vari andrologi che mi hanno sempre diagnosticato una prostatite, ho fatto tutti gli esami di rito spermiocoltura con metodo PCR, SPERMIOGRAMMA, ecografia. gli esami colturali negativi, fertilià ottima e prostata nella norma.alla fine di tutto l'iter un androlo,il nuovo,mi ha detto che la prostata non c' entra nulla...e che si tratta di una pudendopatia..ho fatto gli esami di rito elettromiografia basale e durante flussimetria dopodichè ho cominciato la cura con Xeristar 60 mg.miglioramenti se ne sono avuti e credo che la situazione migliorerà ancor più perchè fra una settimana mi sottoporrò ad intervento chirurgico per prolasso mucoso ed emorroidi di terzo grado causa dell'infiammazione rettale e quasi sicuramente del pudendo.la mia domanda ora è questa: a volte dopo i rapporti mi capita di dovermi precipitare in bagno per urinare. la flussimetria risulta normale anzi il getto a volte è violento..ma la cosa notevole è che quasi.non resisto. a cosa è dovuto questo?cistite,prostatite o pudendopatia?negli ultimi tempi per motivi proctologici uso topster supposte...può aver influito? cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gent.mo utente

potrebbe trattarsi di una cistite e/o prostatite che per essere diagnosticata serve un'obbiettività e un esame culturale (non con PCR).

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 247XXX

Iscritto dal 2012
per obiettività intende un eesame digitale?l'ultima visita l'ho fatta un mesetto fa...ed era tutto nella norma.è da escludersi una conseguenza della pudendopatia?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
servirebbero esami cultulali (urinocultura, spemiocultura, Tamponi uretrali) per escludere infezioni, si consulti con il suo medico e se necessita ci aggiorni.

Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Maretti, che mi ha preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.