Utente 247XXX
Buongiorno,
sono fidanzato da circa tre mesi e 1/2, e quando io e la mia partner abbiamo deciso di avere rapporti, la prima volta non sono riuscito ad avere l'erezione. La cosa non mi ha preoccupato più di tanto in passato alcune volte era già successo ma poi la cosa si risolveva. La seconda e terza volta ho avuto l'erezione durante tutti i preliminari (circa 25/30 min) poi ci siamo masturbati e ho avuto un eiaculazione normale. Ci siamo masturbati altre volte e non ho avuto alcun problema nel mantenere l'erezione e nell'eiaculare. Quando abbiamo riprovato ad avere rapporti, ho mantenuto l'erezione per tutti i preliminari e poi, prima della penetrazione, nel mettere il preservativo ho progressivamente perso l'erezione. Dopo circa 30 min ci abbiamo riprovato, ed ho mantenuto l'erezione per i preliminari e la masturbazione ma poi nel fermarmi e indossare il preservativo ho di nuovo perso l'erezione. Addesso ho paura di perdere sempre l'erezione nel momento in cui avremo rapporti.
La mattina ho comuqnue erezioni regolari e il glande si scopre completamente quando il pene è eretto (anche se il frenulo è un pò corto il glande comunque si scopre totalmente).
Non credo di avere problemi fisici, faccio una vita sana, non fumo, non bevo, faccio sport......come posso risolvere la cosa?
La mia ragazza mi ha detto di non preoccuparmi anche se però mi ha fatto notare che è già la terza volta che mi succede e nn vorrei deluderla nuovamente.
Grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
la sia storia clinica fa pensare ad una impotenza su base psicogena dove meglio di noi può aiutarla un collega psicologo sessuale a cui la rimando.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Roberto Callina
40% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Caro Utente,

come suggerito dal dr. Mallus, la sua storia clinica farebbe pensare più a un problema di natura psicologica che organica.
La prima cosa da fare, comunque, in questi casi, è di sottoporsi ad una visita per escludere senza ombra di dubbio la possibilità che si tratti di un problema fisico.

Sarebbe utile sapere se prima di questa relazione ha avuto altre partner e che tipo di rapporti aveva con loro.

"La mia ragazza mi ha detto di non preoccuparmi anche se però mi ha fatto notare che è già la terza volta che mi succede e nn vorrei deluderla nuovamente"

Il fatto che la sua ragazza le faccia notare che è già la terza volta non può certo aiutarla a superare questo disagio; è normale che il suo timore di deluderla (e deludere anche se stesso) si incrementi.

Ci faccia sapere qualche cosa in più della sua attività sessuale prima di questi 3 mesi e mezzo.

Un caro saluto.
[#3] dopo  
Utente 247XXX

Iscritto dal 2012
Vi ringrazio per le risposte....
Neglu ultimi anni, prima di questa relazione, ho avuto principalmente ragazze occasionali senza relazioni per lungo periodo, e non ho avuto problemi di questo tipo. In passato ho avuto comunque brevi relazioni di max 5-6 mesi, dove specialmente all'inzio avevo problemi per paura non riuscire poi però la cosa passava (anche se non mi è mai capitato più di tre volte consecutive).
Ho avuto anche due esperienze bisessuali, in un caso, credo per agitazione, non sono riuscito ad avere erezione, un'altra volta ho invece avuto l'erezione senza avere rapporto completo ma solo masturbazione.
grazie e saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Dr. Roberto Callina
40% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,

quando dice: "Ho avuto anche due esperienze bisessuali", cosa intende di preciso? Parla di esperienze omosessuali (solo con altri uomini) o esperienze con altri uomini e altre donne contemporaneamente?

Non è facile, e nemmeno consentito dalle norme di questo sito, fare una diagnosi in base alle informazioni in nostro possesso.
Sembra, tuttavia, che il suo disagio erettile si presenti laddove la relazione coinvolge il piano emotivo affettivo e non solo quello puramente sessuale. In altre parole è come se lei avesse paura di un coinvolgimento altro rispetto al solo atto sessuale.

Si tratta solo di ipotesi, non conoscendo interamente la sua storia di vita, che andrebbero eventualmente confermate in un consulto con uno psicologo psicoterapeuta di persona.

Un caro saluto.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
Le variabili che entrano in gioco nella sessualita' , a diagnosi andrologica avvenuta, sono tante e tali, che diventa indispensabile effettuare una diagnosi i approfondita .
Le cause possono essere psicogene, relazionali, da cattivo apprendimento sessuale, correlate adcaltre pregresse disfunzioni sessuali, alla sessualita' della partner ed a tanto altro.
Le allego, qualche mio articolo sll' argomento, per ulteriori spunti di riflessione.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/129/Bisessualita-esiste-davvero