Utente 247XXX
Sono una donna di 42 anni, sottoposta all'età di 37 ad una ablazione per TPSV, riuscita perfettamente. Prima di sottopormi a tale ablazione, ho avuto un episodio di fibrillazione atriale. Il professore che mi ha fatto l'ablazione mi ha rssicurata dicendomi che, in presenza di una TPSV, la fibrillazione è stata una degenerazione della suddetta aritmia. Non ho mai più avuto episodi di TPSV. A volte mi capita di sentirmi, per qualche secondo, un battito acceleratissimo, identico a quello che ho provato quando ho avuto la FA (anche se quella FA è durata circa una mezz'ora e si è risolta farmacologicamente in ospedale). Sono terrorizzata dal fatto che da un momento all'altro potrebbe tornarmi una fibrillazione anche se il medico mi dice che la fibrillazione non si comporta così e dura molto più di qualche secondo. Ho risolto la TPSV ed ora mi preoccupo per la FA. Chiedo se effettivamente possono esistere episodi di FA che durano qualche secondo e che potrebbero denotare la presenza di tale aritmia e se quindi devo aspettarmi, prima o poi, un nuovo espisodio di FA. Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo se lei presenta una certa predisposizione aritmica, probabilmente nel futuro, potrebbe lamentare una fibrillazione atriale, ma se ciò possa avvenire o meno è difficile determinarlo a priori, per cui è inutile che lei vada in ansia. Utile invece effettuare alcuni esami almeno una volta l'anno, per monitorare la situazione, come un Holter ECG 24h e un test da asforzo.
Saluti