Utente 247XXX
Salve, mi chiamo Mario ed ho 28 anni.
Soffro di eiaculazione precoce (non esagerata, non si parla di due minuti, piuttosto di 5-10). Quando però mi capita d'aver bevuto parecchio (quindi non una birretta) i miei rapporti sono molto più duraturi e riesco a controllare l'eiaculazione. Partendo da questo presupposto vorrei sapere se ci sono quindi i presupposti per definire la mia eiaculazione precoce di natura ESCLUSIVAMENTE psicologica oppure è l'esatto contrario? Girovagando su internet non ho trovato nessun chiarimento riguardo i perchè l'alcool ritardi l'eiaculazione ne quindi della correlazione alcool-eiaculazione.
Nota: Ho sia problemi di carattere psicologico come elevata ansia da prestazione che lievi problemi fisici come frenulo un po' breve e glande leggermente sensibile (non cose esagerate) quindi mi risulta difficile capire le cause di questo mio problema.
Ho bisogno di venire a capo di questa cosa, ditemi la vostra, grazie mille per la disponibilità, date la possibilità a tante persone d'avere chiarezza su argomenti non facili da affrontare di persona.
Buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'eiaculazione si definisce precoce assoluta quando i tempi sono contenuti entro i due minuti dalla penetrazione.,diversamente,come nel Suo caso,essa va definita relativa alla partner (o alle partners) e,spesso,con un intervento sinergico tra andrologo,psicosessuologo e Paziente,si riesce a modificare "educando" il Paziente ad un corretto approccio all'incontro sessuale.Il meccanismo eiaculatorio è,sempre,caratterizzato da una forte componente psicologica ma,a mio avviso,il rischio più grande è quello di rifarsi a metodi empirici che prevedono,ad esempio, la ripetizione forzata del coito nella stessa "seduta" o,peggio,il ricorso a comportamenti inidonei,quali alcol e droga,che,nel tempo,certamente andrebbero ad inficiare tutta la funzione sessuale,sia erettile che eiaculatoria che orgasmica.La sintomatologia si presenta nelle stesse modalità anche in rapporti diversi da quelli vaginali (orali,masturbatori)?Trae vantaggio dall'uso di profilattici?La sessualità deve presupporre,sempre,la totale padronanza di se stessi,che l'alcol,ad esempio,inibisce e confonde.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Izzo che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.

[#3] dopo  


dal 2012
Si si ho già letto quell'articolo così come tantissimi altri.
Innanzitutto grazie per le risposte tempestive! Volevo dire che non è che sto bevendo per durare di piu a letto, è soltanto una cosa che mi è capitato di notare, e cioè che quando bevo parecchio ho molta piu padronanza di me stesso.
Questa mia eiaculazione precoce è presente anche nella masturbazione anche se in forma minore, però devo dire che anche li è subentrata una componente psicologica, nemmeno masturbandomi mi sento libero dal giudizio di me stesso e dal mio controllare i tempi e lo stato d'erezione quindi non riesco ad avere il controllo di me stesso. Quando bevo, che sia un rapporto sessuale completo o si tratti di masturbazione duro molto di piu, posso anche esser concentratissimo ed eccitato ma duro tanto, invece di solito nemmeno pensare alle cose piu tristi e distrarmi m'aiuta, in pochi minuti vengo. Per non parlare di quando vedo la donna molto presa, eccitata e prossima all'orgasmo, in quel caso spesso vengo in un attimo.
Non riesco a trarre vantaggio dall'uso di profilattici perche ho un prepuzio esuberante quindi per me usarli è un po un casino, e va finire che perdo l'erezione ancor prima di metterli.

Mi rendo conto che dalla vostra posizione non è facile dare un giudizio a domande importanti, che servirebbero visite e test per avere risposte piu precise, so anche che presento sia componenti psicologiche che fisiche, però volevo soltanto capire se questa cosa dell'alcool OGGETTIVAMENTE va ad influire su una cosa fisica o su una cosa psicologica. Quando bevo non ho problemi d'alcun tipo perche il muscolo si atrofizza e perde si sensibilità OPPURE perche ho la mente sgombra da qualsiasi paranoia e giudizio di me stesso? Questo è il punto.
Grazie mille ancora, davvero, buona giornata.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il muscolo non si atrofizza,mentre si ha una slatentizzazione che porta ad una perdita relativa della attenzione ma,nel tempo,l'alcol inficia il fegato...Cordialità.
[#5] dopo  


dal 2012
Quindi influisce in maniera esclusivamente psicologica? Di conseguenza per risolvere il problema devo intervenire psicologicamente? Altrimenti se fosse un problema fisico soffrirei di e.p. anche da ubriaco?
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
L' eiaculazione precoce, e' una disfunzione della fase dell' orgamso, caratterizzata dall' assenZa della capacita' di procastinare nel tempo il punto di no ritorno eiaculatorio.
Le cause sono tante e tali,che necessitano diagnosimscrupolose e specialistiche.
Le cause possono essere psicogene, infiammatorie, relazionali. Da cattivo apprendimento sessuale( autoerotismo incluso) , ecc...
Le allego, qualche articolo, per approndimenti

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1697/Eiaculazione-precoce-e-mancanza-d-erezione-e-viceversa

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1697/Eiaculazione-precoce-e-mancanza-d-erezione-e-viceversa

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce-e-pensieri-ossessivi-e-catastrofici
[#7] dopo  


dal 2012
Dottoressa, grazie della risposta! Per quanto riguarda il fare pensieri tristi durante l'atto sessuale è secondo me una cosa a dir poco ridicola, non ha senso, fare l'amore vuol dire lasciarsi andare ai propri istinti, che senso ha immaginare di stare da un'altra parte? No è davvero ridicolo e non lo faccio mai.
Inoltre leggo spesso tra le vostre risposte anche ad altre domande il consiglio a rivolgersi di persona ad uno specialista e di non prendere per bibbia quello che leggiamo su internet. Io lo so benissimo questo, infatti la mia era una semplice curiosità a cui alla fine devo ammettere non aver avuto una risposta chiara.
Ripeto, lo so che voi da dietro uno schermo non potete sapere esattamente di cosa si tratti, che ogni caso è diverso dall'altro e tutto il resto, la mia è soltanto una curiosità di carattere generale e sono strasicuro che voi potete chiarirmi le idee in merito.
Ripeto la domanda:
Visto che l'alcool non atrofizza il muscolo e non toglie sensibilità al glande ma agisce esclusivamente sotto un punto di vista psicologico, potrebbe esser giusto dire che se un soggetto dopo aver assunto alcool riesce a controllare l'eiaculazione il suo problema POTREBBE essere prevalentemente di carattere psicologico?
Questo non vuol dire che berrò per durare più a lungo, ne che prenderò per legge il vostro parere, mi rivolgerò ad uno specialista per risolvere il problema, a voi chiedo soltanto chiarezza su questa mia curiosità.
Grazie mille, e scusate per l'insistenza, buona serata!