Utente 247XXX
Salve, sono stato operato di plastica del giunto pielo ureterale ad un rene (a cielo aperto) e mi hanno reciso un nervo che mi ha reso insensibile la parte che va dall'ombelico al taglio operatorio. Ora il muscolo adominale si sta atrofizzando e sta cedendo con un evidente rigonfiamento.

Vorrei sottoporre le seguenti domande:
1) fa parte dell'iter operatorio recidere tale nervo?
2) quali sono le soluzioni al caso?
3) dovevo essere informato esplicitamente di questa eventualità?
4) il medico poteva evitare di recidere il nervo o è assolutamente indispensabile?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La recisione di qualche piccola terminazione nervosa e' inevitabile nel corso di qualsiasi intervento chirurgico e fa parte delle normali procedure che lei, firmando il consenso informato, ha deciso di accettare. Ovviamente questo non vale per terminazioni nervose piu' importanti, a meno che non si tratti di un effetto voluto e funzionale all'intervento stesso; ma qui entriamo piu' che altro nel campo della Neurochirurgia. Tenga conto comunque che le parestesie (mancanza temporanea di conduzione dell'impulso) sono secondarie allo "stupor" subito dai tessuti operati, quindi e' chiaro che nei primi tempi la parte puo' risultare insensibile. L'atrofia muscolare invece non e' prevista, salvo casi particolari che ovviamente noi non possiamo sapere.
Per sapere se e' necessario e/o possibile fare qualcosa le consiglio comunque di sentire il Chirurgo che l'ha operata, mentre per gli aspetti legati al consenso informato puo' postare un quesito apposito sulla nostra sezione di Medicina Legale.
Cordiali saluti