Utente 235XXX
Gentili medici,
ho quasi 29 anni e peso 51 Kg per 163 cm di altezza.
Mi ritengo fisicamente in forma, ma nell'ultimo anno ho cominciato a notare un po'di cellulite su glutei, cosce e leggermente anche sulle ginocchia.
Se mi guardo allo specchio devo dire che questa pelle a buccia d'arancia è veramente antiestetica.
So che la cellulite è una malattia, causata principalmente dalla ritenzione idrica. A questo punto vorrei chiedere un consiglio mirato per riuscire almeno a combatterne gli inestetismi.
Grazie, un cordiale saluto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
la Pannicolopatia edemato-fibrosclerotica (PEFS), comunemente definita "cellulite", è uno stato patologico che interessa particolari zone del corpo nelle quali, a processo ormai sviluppato, si osservano le caratteristiche inestetiche "esuberanze" cutanee.
Oggi quando si parla di cellulite ci si riferisce ad un complesso di caratteristiche alterazioni anatomo-funzionali che si sviluppano a partire dal tessuto dermo-ipodermico, per poi coinvolgere anche il tessuto adiposo sottostante e l'epidermide.
Le cause sono molteplici: fattori ereditari, ormonali, stile di vita sedentario, alterazioni posturali, disturbi del circolo venoso-linfatico, alimentazione, tabagismo, terapie farmacologiche, ecc., ecc...
Da quanto esposto si renderà conto che soltanto una valutazione medica potrà ben inquadrare il tutto finalizzato a corrette, mirate e personalizzate terapie domiciliari e/o ambulatoriali.
In linea generale e per quanto sia possibile intervenire con un consulto telematico, Le consiglio di seguire un'alimentazione completa e varia, particolarmente ricca di verdure e frutta; consumi durante la giornata almeno 2 lt. di acqua; dedichi qualche ora della settimana ad attività ginniche (per esempio lunghe passeggiate, ginnastica a corpo libero, nuoto, ecc.); eviti (se lo fa) di fumare o ambienti con fumatori; adotti comode calzature ed indossi indumenti (pantaloni, gonne, biancheria intima) che non stringano troppo.
Segua questi semplici ma utili consigli per qualche tempo e nel caso l'inestetismo continui ad evidenziarsi troppo, si sottoponga ad una visita medica.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottor Marcolongo,
grazie per la sua risposta tempestiva.
Fortunatamente non fumo, ma effettivamente bevo poco e conduco una vita abbastanza sedentaria.
Proverò quindi a migliorare questi aspetti e a seguire i suoi consigli. Ho sentito dire che anche i getti di acqua fredda sulle parti interessate possono essere utili in quanto stimolano la microcircolazione: è vero?
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
E' vero...se lo sopporta!
Terminare il bagno o la doccia con un getto di acqua fredda, a partire dal basso degli arti inferiori, ha un effetto vasocostrittore e tonificante per la cute.

Cordialità.