Utente 907XXX
Salve,
scrivo per conto del mio compagno che ha 29 anni. Vi spiego il problema: lamenta e spesso si sente a disagio per il suo cattivo alito accompagnato da una patina bianca su entrambi lati della lingua. Questa patina bianca va via strofinando con lo spazzolino in modo abbastanza energico, ma si riforma ugualmente.
Abbiamo pensato a un problema di origine micotica, e non saprei se a livello sessuale con rapporti oro-genitali incomberebbero dei problemi.
Vorremmo avere in linea generica qualche delucidazione, anche per capire a che specialista rivolgerci e che controlli effettuare
Aggiungo che attualmente ha diverse carie da curare.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Potrebbe trattarsi di lingua saburrale, una condizione in cui sulla lingua è presente una patina bianco-giallastra soprattutto dopo l'assunzione di cibi. La patina è costituita da placca batterica e cellule epiteliali di sfaldamento della mucosa orale imbrigliate nelle papille filiformi. Le cause possono essere svariate: dalla non corretta igiene orale (condizione più frequente in presenza di parodontopatia o lesioni cariose) a disturbi della funzione digestiva o alterazioni della flora microbica intestinale.
Inizi con lo spazzolare bene denti e lingua, una buona masticazione degli alimenti ingeriti, dieta ricca di fibre e magari l'assunzione yogurt e probiotici potrebbero dovrebbero in tal caso portare ad un miglioramento della situazione.
Ne parli con il dentista al quale la invito a rivolgersi anche per non trascurare le carie presenti che rappresentano esse stesse una fonte eccezionale di batteri.
La candidosi è una infezione opportunistica di un micete spesso presente anche nel cavo orale di soggetti sani: http://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1300-candidosi-orale.html
Difficilmente si tratta di candida trasmessa da rapporti oro-genitali, sarebbero comunque necessarie delle condizioni sistemiche favorenti lo sviluppo dell'infezione.Il dentista che la visiterà potrà toglierle anche questo dubbio.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 907XXX

Iscritto dal 2008
Salve,
il mio compagno ha iniziato a curare le carie e facendosi controllare dal dentista gli è stato detto che potrebbe trattarsi di funghi, miceti...e che potrebbe fare comunque un esame istologico.
Vorrei chiedervi che ne pensate ed eventualmente la denominazione esatta dell'esame da effettuare.
In quanto partner vorremmo stare del tutto tranquilli.
Vi ringrazio
[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Legga il link che le ho messo nel mio primo intervento.
Nella sezione diagnosi ci sono gli esami più comuni utilizzati per giungere alla diagnosi.

Saluti
[#4] dopo  
Utente 907XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo dottore,
ho appena letto l'articolo, abbastanza chiaro.
il medico mi ha comunque prescritto una biopsia, esame istologico leucoplachia.
Volevo solo rendermi conto di che tipo di esame fosse e se si trattasse di qualcosa di rilevante.
La ringrazio ugualmente
[#5] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
La leucoplachia è un'altra cosa.
Se vuole saperne di più su questo sito c'è anche un articolo specifico sull'argomento:
http://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1258-leucoplachia.html

L'esame istologico consiste nell'osservare al microscopio (dopo opportuno trattamento) del tessuto prelevato dalla lesione.

Saluti