Utente 248XXX
Buongiorno,
il 17 marzo scorso cadendo di bici mi sono procurato varie fratture alla mandibola. La TC del massiccio facciale dice:frattura scomposta a tutto spessore del collo del condilo mandibolare di sn con frammento dislocato infero-medialmente al di sotto dell'eminenza articolare. Duplice rima di fattura a dx: la prima decorre in senso caudo-craniale dirigendosi anteriormente dall'angolo della mandibola fino alla cresta dorsale in corrispondenza dell'elemento dentale 4.8, la seconda interessa a tutto spessore il collo del condilo mandibolare con monconi ossei che appaiono lievemente angolati in assenza, comunque, di dislocazioni.
Il 23 marzo sono stato operato per ridurre la frattura a sn, e mi è stato inserito un B.I.M. (4 viti avvitate nelle gengive) con fil di ferro e elastici. (mi era stato detto di portarlo per 2 settimane). L'11 aprile hanno rimosso i fili metallici, hanno visto che l' occlusione è nella norma, ma mi hanno applicato nuovamente gli elastici per circa 10 giorni. Oggi 19 aprile alla visita di controllo mi hanno detto che devo tenere ancora gli elastici. La mia domanda quindi è per quanto tempo all'incirca dovrò stare ancora con la bocca chiusa e fare dieta liquida. Quali sono i tempi di recupero per un problema del genere? ogni volta mi dicono la prossima volta, ma dopo 1 mese ancora sono con la bocca bloccata (dalle 2 settimane iniziali che mi erano state dette). E una volta tolti gli elastici dopo quando potrò mangiare normalmente? ma soprattutto quello che mi interessa per quanto dovrò stare con gli elastici ancora? perché vorrei tornare a lavorare, ma con la mandibola bloccata non posso.
Cordiali saluti a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
è opportuno che queste Sue domande le ponga agli operatori che La seguono, che conoscono bene la situazione clinica, non apprezzabile a distanza.
Il recupero della funzionalità può essere assai variabile, e le indicazioni al trattamento vengono poste dagli specialisti soltanto sulla base di una valutazione clinica.
Ne parli con gli operatori.
Cordialità