Utente 108XXX
Buongiorno dottori. Sono un ragazzo di 31 anni e ho bisogno di un chiarimento. Fin da bambino ho avuto problemi di fimosi risolti un pò tramite intervento medico un pò vista la tenera età con esercizi che consistevano nel coprire e scoprire il glande. Ad oggi il problema non sussiste e nn presento alcun problema a riguardo solo che ho il frenulo corto. Ovviamente in una situazione rilassata il problema non si presenta ma durante un erezione il prepuzio scende solo fino alla base del glande e non più giù con il classico fastidio di sentir tirare il frenulo e di stringimento alla base del glande stesso. Aldilà del fastidio che è "sopportabile" il problema secondario è che durante un erezione prolungata si verifica anche il noto rigonfiamento sotto al glande dovuta immagino al prepuzio e alla situazione di sofferenza e una discreta e fastidiosa ipersensibilità che ovviamente durante il rapporto mi impegna di più a controllarla che a assecondarla. Leggevo che l'ipersensibilità spesso è legata al frenulo corto ma volevo capire se è l'unico motivo oppure ce ne possono essere altri. Siccome ho intenzione di risolvere questo problema una volta per tutte volevo capire quando è semplicemente necessario intervenire sul frenulo e quando è necessaria la circoncisione. Ultima domanda: per una visita è sempre necessario passare per il medico di famiglia o è possibile contattare direttamente un medico specialista? Grazie mille anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

Dalla sua spiegazione sembra che esista un problema di fimosi non serrata che se anche garantisce di scoperchiare il glande, questo viene incernierato provocandone un evidente rigonfiamento. L'ipersensibilita' che ci riferisce potrebbe dipendere dalla fimosi stessa ed e' per tale motivo che le consiglio una visita specialistca passando dal suo medico che le indichera' la struttura competente.

Cordiali saluti