Utente 204XXX
Buongiorno, ieri mio figlio di 19 anni dopo due ore dal pranzo ( un piatto di riso in bianco e una fetta di salmone ai ferri ) , ha accusato una forte nausea e ha cominciato a vomitare.
Ha avuto per diverse ore dei conati di vomito dolorosissimi, sforzandosi parecchio per cercare di liberare lo stomaco senza mai riuscirci (solo un po di liquido verdastro).
Dopo due ore ha cominciato ad avere oltre al vomito e ai crampi al centro dello stomaco sopra l'omblico anche delle scariche liquide.
Vedendolo molto provato e affaticato ho guardato le feci dell'ultima scarica fatta e ho il liquido espulso rosso sangue vivo.
Allarmata ho quindi controllato in un catino anche il vomito che pur essendo acquoso aveva qualche striatura di muco rosso.
L'ho portato subito al pronto soccorso dove è stato messo in osservazione per quattro ore.
Scrivo quanto leggo sul verbale : visita chirurgica : al momento della visita remissione della sintomalogia dolorosa. Addome trattabile, indolente alla palpazione su tutti i quadranti Blumberg negativo. All'esplorazione rettale tracce di feci normocromiche. Non sangue. E' prsumibile che proctoraggia e minima ematemassi riferita a domicilio siano relative agli episodi di vomito e diarrea ripetuti Esami ematochimici non dimostrano perdite ematiche significative. leucocitosi con PCR non significativamente aumentata. RX negativi per acuzie, Non più vomito e diarrea al PS. non acuzie chirurgica in atto.
Colite , enterite e gastrointerite di presunte origini infettive.
Terapia Rifacol 200 mg ogni 8 ore per 8 giorni Plasil in caso di vomito e Dissenten in caso di diarrea.Fermeti lattici Dicoflor 1al giorno
E' stato dimesso in condizioni nettamente migliorate. Ha passato una notte tranquilla e ha dormito.
Oggi ha avuto una volta una scarica leggera con sangue un po piu scuro, e una seconda volta delle piccole feci striate di rosso con la cartaigenica sporca di rosso vivo , ma da ieri sera non accusa ne vomito ne dolori, sta bene e ha iniziato la terapia ma lo vedo molto preoccupato perchè pensa di avere qualche cosa che non va, tipo appendicite e altro.
Vi chiedo cortesemente se quello che è accaduto è stato diagnosticato correttamente, se il sintomo del sanguinamento nelle feci è normale in un caso come questo, se devo fare altri accertamenti.
Attendo cortesemente una vostra risposta.
Vi ringrazio anticipatamente e Vi porgo cordiali saluti.
P.S. gli esami del sangue avevano alterati i leucociti 20.8
Lattico deidrogenasi 624
CPK 230
Pressione 80 120 Frequenza cardiaca 90 Temperatura 37.2

Dimenticavo quindici giorni fa aveva accusato gli stessi sintomi durante la notte senza però alcuna traccia di sangue dopo aver cenato con merluzzo lessato e limone.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Risolta la fase acuta andra'controllato e stabilita l'origine del sanguinamento.