Utente 248XXX
Salve sono un ragazzo di 24 anni, ieri mi sono sottoposto ad un intervento di varicocele con tecnica di scleroembolizzazione. Sin dalla sera stessa ho avvertito dei dolori alla parte sinistra dell'addome e lieve gonfiore al testicolo sinistro. Mi si è presentato subito uno stato di febbre non alta (37) ma oggi nonostante l'assunzione di antibiotico (Augumentin) e antinfiammatori (tachipirina 1000 mg compresse) ho avuto un innalzamento di febbre 37 e mezzo per adesso). Inoltre quando cammino avverto dolori all'addome e allo scroto.
Tutto ciò è normale?
Il decorso post operatorio rientra nelle miei sopraelencati disturbi?

Aspetto una vostra risposta.
Cordiali saluti.
Roberto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,quanto riferito puo',fisiologicamente,rientrare nel normale decorso post sclerotizzazione.La terapia prescritta e' corretta,per dui La rimando dal radiointerventista,invitandoLa ad aggironarci dopo la visita di controllo programmata.Cordialtia'.
[#2] dopo  
Utente 248XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dottore,
ieri a causa dei continui dolori e della febbre alta (quasi 38), sono ritornato in ospedale, dove sono stato sottoposto ad un ecocolordoppler da parte del dottore che ha eseguito la scleroembolizzazione. Da ciò si è evinta una infezione che, a detta dei medici, è presente solo nel 5% dei casi ed è stata causata probabilmente dal fatto che durante la scleroembolizzazione sono state usate due fiale sclerosanti, in quanto il varicocele era di terzo grando.Dall'ecocolordoppler si è anche evinto un inizio di idrocele. Mi è stata prescritta una nuova terapia a base di punture di Tazocin e bustine di Nimedex. La febbre è un pò scesa, ma noto un importante rigonfiamento del testicolo sx e macchie bianche sulla base del pene.
Cosa ne pensa di tutto ciò? E dell'idrocele? Si riassorbirà autonomamente? Devo preoccuparmi o comunque fare ulteriori accertamenti? Attendo un suo consiglio.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...seguiamo l'evolversi della situazione ma,di sicuro,non è l'eventuale idrocele reattivo a preoccupare.
Non sarei,comunque,pessimista sull'esito finale.Segua i consigli dello specialista di riferimento e ci aggiorni in merito,se ritiene.Cordialità.