Utente 248XXX
Buongiorno, premettendo che è la prima volta che richiedo un aiuto a voi, anticipatamente ringrazio; Per una prima anamnesi, segnalo che avendo avuto pregressi episodi di TVP e uno di TEP sono in terapia anticoagulante da 10 anni:
Da 2 settimane soffro di macchie pruriginose solo su arti superiori, inferiori e glutei, come terapia mi hanno dato zirtec 10 mg 1 compressa al gg e bentelan 1 mg al bisogno (praticamente ogni 12 ore); Come indicatomi ho effettuato degli esami:
-esame delle feci per ricerca parassitaria-negativo-
-emocromo completo-normale-
-IGA 170 (valore indicativo sugli esiti massimo 110 sottolineo che il gg del prelievo avevo già preso l'antistaminico per una settimana)

Chi ha sospettato di parassiti intestinali, chi dell'allergia che in ogni caso con gli antistaminici non sta passando, anzi peggiora di gg in gg, sono un mostro... chi potessero essere dei funghi, chi potesse essere pitiriasi (che sicuramente non è conoscendola molto bene avendola già avuta).

Insomma io non so più cosa fare, mi stacco la pelle dal prurito, non trovo un medico che mi dia una risposta sensata o almeno con una diagnosi specifica, non posso più lavorare poichè le eruzioni sono diventate davvero troppo visibili.

Si è aggiunto un malessere generale ed un intorpidimento della testa con cefalee che non rispondono agli analgesici.

Se qualcuno potesse aiutarmi, a darmi almeno qualche indicazione, ne sarei davvero grata... ci sono altri esami che dovrei o potrei fare? come calmo il prurito? bentela non mi fa niente!!! come posso fermare la comparsa di altre macchie,? si moltiplicano di gg in gg

Confido in un vostro consulto quanto prima e ringrazio sin da ora.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, purtroppo per valutare correttamente la sua condizione è necessaria una valutazione diretta delle lesioni. A cosa esse siano dovute non è possibile stabilirlo in questa sede, ma in base alla descrizione possono essere prese in considerazione diverse condizioni di natura allergica, irritativa, da farmaci, immunologica, parassitaria (acariasi). Potrebbe eseguire altre indagini come le IgE totali, Prick e Patch tests, ricerca acaro della cute, funzionalità epatiche e renale ed un videat ematologico.
Riguardo alla terapia è necessario prima un corretto inquadramento diagnostico, al fine di impostare un trattamento mirato alla condizione da lei riportata.
Saluti