Utente 575XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 22 anni e soffro da sempre di
eiaculazione precoce.
Come posso rimediare?
Ho provato con i preservativi ritardanti, ma senza esito....
Inoltre anche pensando ad altro, arrivo subito ad eiaculare... circa 1/2 minuto dopo la penetrazione...

Inoltre circa 1 anno e mezzo fa ho perso sangue dal pene mentre urinavo, riscontrando tramite degli esame una Prostatite, che ho curato con delle supposte, Aulin, ecc...
E' stata definitavamente curata? Non ho più quel bruciore, o
sangue dal pene.... Questo cosa vuol dire che è stata definitivamente curata?
Come posso risolvere il mio problema di EIACULAZIONE PRECOCE?
C'entra qualcosa la prostatite avuta?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile uetnte,
al di là della eventuale valutazione urologica per il problema prostatico, l'eiaculazione precoce è un disturbo della sfera psicosessuologica che peraltro risponde in alcuni casi anche a terapie farmaco-sessuologiche. Si affidi per la la diagnosi corretta e l'indicazione della terapia più adeguata ad un Medico esperto in Psicosessuologia.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 575XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dr. Stefano Garbolino,
quindi prendere la visita da qualche Andrologo non serve?
Io abito in provincia di Messina e vorrei sapere dove posso trovare un Medico esperto in Psicosessuologia? Un medico o in provincia di Messina oppure a Palermo. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
non sono completamente daccordo talora l'eiaculazione precoce può presupporre delle cause organiche le consiglio una visita andrologica che saprà valutare il quadro clinico completo anche dal punto di vista sessuologico
[#4] dopo  
Dr. Mariano Indelicato
24% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
D'accordo con il collega Benedetto, credo che lei debba fare una visita andrologica per escludere qualsiasi causa di tipo organico al suo problema, anche se in generale l'eicaulazione precoce il più delle volte abbisogna di un trattamento sull'ansia che può effettuare con esperti di disturbi e disfunzioni sessuali.
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

al di là dei commenti "medicalmente corretti" forniti io non vedrei motivi per preoccuparsi in maniera eccessiva.
Una eiaculzione veloce, rapida, poco controllabile e' tipica della giovane età e spesso trova compenso nella possibilità di avere un secondo rapporto in tempi assolutamente brevi.
generalmente la situazione tende a normalizzarsi fino a stabilizzarsi su "tempi" molto personali.
E' chiaro che una valutazione specialistica, andrologica, può essere utile anche per definire il ruolo della "prostatite" (??) avuta in precedenza ma io sarei molto incerto a procedere a terapie sessuologiche ( per la cura della eiaculazione)
cari saluti
[#6] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile ragazzo,
a maggior ragione, visti i tuoi trascorsi medici, non escluderei a priori una visita andrologica.

E' vero, l'eiaculazione precoce è piuttosto frequente in giovane età, ma se non gestita ed arginata accuratamente diventa un disturbo cronico, molto fastidioso dal punto di vista emotivo.

Per cui, io prenderei tempo, senza fretta, e nel frattempo effettuerei la visita andrologica. Poi, se tra un po' la situazione non migliora, non escluderei la consulenza psicologica

Lo so, non servirà a molto dirti di non prenderla con ansia, però almeno provaci in questa fase
[#7] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

concordo con l'opportunità di una valutazione andrologica che inquadri correttamente il problema.