Utente 185XXX
Salve,
mi sono operata a novembre con la tecnica intralasik. Nonostante il punto di partenza non grave (-2.5 di miopia e poco astigmatismo che non ricordo) ho dovuto rifare l'intervento tre settimane fa perchè come mi è stato spiegato non tutti i tessuti rispondono ugualmente ed è quasi normale dover ricorrere ad un potenziamento.
I risultati ora dicono +0.25 -0.50 da un occhio e +0.00 -0.50 dall'altro. Il chirurgo mi ha detto che la perfezione non è raggiungibile e che questo è un risultato ottimale. Fatto sta che non sto per nulla bene e che sono preoccupatissima al pensiero di dover vivere una vita così: è vero che adesso vedo ciò che prima non vedevo in lontananza ma le scritte sono confuse, devo strizzare un pò gli occhi per mettere a fuoco (cosa che prima non facevo), mi sento "incrociare" gli opcchi e ho continui mal di testa di cui non ho mai sofferto. Mi chiedo se è colpa del poco astigmatismo che è rimasto, se devo pretendere un'ulteriore correzione o se è tutto normale e la vista deve andare a regime.
Confido in un parere che mi possa aiutare a capire.
grazie
[#1] dopo  
Dr. Demetrio Romeo
32% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile sig.ra, non sempre è agevole rispondere a quesiti come il suo perchè sarebbe necessario disporre di altri dati, oltre a quelli che lei ha indicato.
In ogni modo i risultati da lei riportati, che suppongo essere quelli dell' autorefrattometro, indicano una buona correzione del difetto per cui non sembra esserci necessità di ulteriore "ritocco".
Inoltre la vista potrebbe ancora migliorare e l'astigmatismo ridursi spontaneamente. Sicuramente, in questa fase, occorre un buon feeling col chirurgo per continuare il coretto monitoraggio del decorso postoperatorio.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Capisco che non posso attendermi una risposta che si sbilanci in diagnosi azzardate e ringrazio per ciò che mi ha detto, solo volevo sapere se aldilà del buon risultato in cui credo anch'io di riduzione del difetto visivo, siano normali mal di testa continui con conseguente senso di nausea, sensazione di vista incrociata e difficoltà di mettere a fuoco le scritte...solo per sapere se aspettare tranquillamente il prossimo controllo di giugno anche se tranquilla non sono o fare qualcosa.
Con questo mi impegno a non rispondere ulteriormente attendendo una risposta che mi possa guidare. Porgo distinti saluti.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Demetrio Romeo
32% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
I disturbi che descrive sono un po' eccessivi rispetto al comune decorso post operatorio. Questo non significa che siano necessariamente collegati all'intervento, anche se le circostanze in effetti, possono farlo pensare.
Parlando di "feeling col chirurgo" intendevo anche la possibilità di comunicare all'occorrenza il verificarsi di tali disagi. Pertanto potrebbe chiedere al suo oculista di anticipare il controllo programmato. In tal modo la situazione potrà essere rivalutata, con maggiore tranquillità per lei ma anche per il chirurgo.
Riguardo al suo impegno "a non rispondere ulteriormente" apprezzo molto la sua discrezione, ma stia tranquilla: le sue domande non hanno superato il lecito e Medicitalia rimane a sua disposizione.
Buona serata