Utente 524XXX
Gentili Dottori,
Io e mia sorella abbiamo iniziato a seguire, sotto consulto del nostro farmacista, una dieta chetogenica. Ho perso peso, tuttavia, dai test effettuati con lo stick e urina non è mai risultato che io sia entrato in chetosi a differenza di mia sorella che dopo 4 giorni dall'inizio della medesima dieta risulta positiva al test.

Sono consapevole di aver sempre fatto riferimento alla dieta, mangiando le medesime cose e non concedendomi mai uno strappo alla regola.

Da cosa potrebbe dipendere ? Perchè lei è entrata in questo stato ed io no ?

Saluti
Utente 52487

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
vorrei dirle che provvedimenti dietetici devono essere raccomandati da personale medico esperto, dopo adeguata ed attenta valutazione del paziente da sottoporre a dieta.

Il farmacista NON è un medico!

per sua informazione le dico che
la dieta chetogenica si basa sul presupposto che un'alimentazione ricca di proteine e lipidi, e nel contempo molto povera di carboidrati, mantenga costanti i i livelli di insulina evitando l'accumulo di grasso e favorendo il suo utilizzo a scopo energetico.
Diminuendo i livelli di glucosio oltre i limiti raccomandati il corpo sarà costretto ad attingere energia da altri substrati quali proteine e lipidi.

Senza dubbio la dieta chetogenica funziona nell'immediato ma sottopone l'organismo ad uno stress continuo e non salutistico.
Praticamente il gioco non vale la candela e la dieta chetogenica, sia pur efficace sotto certi punti di vista, può e deve essere sostituita con altri regimi alimentari meno dannosi ed ugualmente efficaci.

Attenzione al "fai da te",
non è facile essere medico,
figuriamoci per chi NON lo è.

Saluti