Utente 248XXX
Sono una ragazza di 18 anni, che ha sognato da anni la maggiore età per poter finalmente fare il tatuaggio.
Ma appena fatto, mi ha iniziato ad attanagliare il dubbio se il significato del tatuaggio mi possa realmente seguire per il resto della mia vita.
L'ho fatto all'incirca una settimana fa,e vorrei sapere ,nella mia indecisione, se è possibile rimuoverlo totalmente senza alcuna cicatrice o "ombra"? e se mi conviene pensare seriamente di rimuoverlo al più presto,considerando che è stato fatto da poco,o di aspettare più in là col tempo!
Da premettere che il tatuaggio è costituito da una scritta totalmente nera nel costato sinistro appena sotto il seno, lungo 13 cm e alto 3.5.

Attento con ansia un vostro consulto,e vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Luca Leva
40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Salve,
attualmente i laser utilizzati per la rimozione dei tatuaggi danno ottimi risultati.
E' impossibile dirle pero' che la rimozione sara' sicuramente totale.
La risuscita di cio' dipende da diversi fattori quali: tipo di inchiostro utilizzato, pelle trattata,ecc.

Saluti,
[#2] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,
i tatuaggi professionali vengono eseguiti con un apposito strumento (dermografo) automatico ed il/i pigmento/i (colore) viene deposto in maniera uniforme e regolare nel derma superficiale.
L'esistenza di numerose tecniche per la rimozione dei tatuaggi non deriva tanto dal forte desiderio di trovare una metodica precisa nella rimozione quanto dal non creare cicatrici permanenti, vero problema da evitare!
Tra le metodiche meccaniche, chimiche, termiche e miste, utilizzate per la rimozione dei tatuaggi, quelle più efficaci sono la "vecchia" salatura o elettrosalatura (praticate ancora oggi da qualcuno), il resurfacing timedchirurgico e la laserterapia.
I risultati migliori, da un punto di vista estetico ed in termini di percentuale di rimozione, si ottengono proprio su quei tatuaggi monocromatici e con pigmento nero.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 248XXX

Iscritto dal 2012
Una carnagione molto chiara e la difficoltà che ha riscontrato il tatuatore ,notato che la pelle respingeva il colore, può considerarsi un fattore favorevole per un risultato migliore della rimozione?
[#4] dopo  
Prof. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Invitadola vista la sua età a pensare bene la prossima volta prima di prendere una decisione del genere alla reale necessità di effettuare un marchio indelebile, mi trovo ad affermare che non sono d'accordo con il termine "ottimi risultati" che è stato dato sul tema della "rimozione dei tatuaggi professionali"

Di ottimo in base alla mia esperienza e parlando anche dei nuovisimi laser pigmento-target ho visto ben poco, mentre si può affermare che su quelli amatoriali e di piccole dimensioni esistono maggiori probabilità di vedere nuovamente la pelle come prima.

Ad oggi però i tatuaggi sono tutti professionali quindi state attenti a ciò che fate..perchè di bacchette magiche non ce ne sono..

saluti