Utente 191XXX
salve vi scrivo per mio padre,ha 56 anni e da un anno e mezzo ha subito un intervento di angioplastica a 2 arterie coronariche,premetto che è intenso fumatore da una vita e leggermente sovrappeso,non ha mai avuto problemi di ipercolesterolemia ne tanto meno di ipertensione,facevamo spesso controlli..adesso dopo l'intervento assume statine(torvast),diltiazem e triatec, oltre che altri farmaci di cui ignorantemente potrei capirne il motivo..ma di questi 3 citati lo trovo assurdo visto che è sempre stato perfetto per il problema che curano.non vorrei che poi per curare un problema che non c'è si compromettesse altri organi.ditemi che cosa ne pensate.grazie mille davvero

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I farmaci che lei cita sono perfetti nel paziente che ha subito una PTCA. C'e'invece da dire che se suo padre continua a fumare, e' inutile che assuma i farmaci.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio molto,tale cura perchè viene data?come prevenzione?se il paziente facesse esami ravvicinati per valutare colesterolo e ipertensione si potrebbero eliminare in futuro?assume anche cardioaspirina,eskim,un gastroprotettore,un cerrotto alla nitroglicerina..pensa che siano necessari a vita?ha limitato molto il fumo però non riesce a smettere, so che è un problema, ha provato vari modi tra cui anche il bupropione.è possibile riproporlo?lo vedevamo più rilassato.grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
no guardi, il fumo non si riduce. Se un uomo così' giovane ha subito 2 angioplastiche e continua a fumare significa che non ha paura di riavere un infarto o di presentare un ictus od il cancro. I farmaci di cui parliamo vengono dati per ridurre il rischio di una nuova stenosi sia sui vasi dilatati sia su altri che allora erano pervi. ecco perché' le ho detto che se continua a fumare non ha senso che faccia una terapia.
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
capisco perfettamente..cosa intende quando dice che il fumo non si riduce?grazie
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
si interrompe e basta. senza compromessi, se si ha paura per la propria salute
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org