Utente 172XXX
Ho 40 anni, mi hanno operata da circa un anno di cataratta ad entrambi gli occhi. Da quando mi hanno operata, un pò per paura di muovere la lente, ho evitato di lavare per un pò gli occhi, ora li lavo ma è da quando mi hanno operata che soffro di congiuntivite/blefarite con descuamazione delle ciglia che l'oculista cura con cortisonici ed antistaminici ma, una volta finita la terapia, il problema torna ad esserci, quindi c'è in tutte le stagioni.
Mi è stato consigliato di fare un test allergologico che non ho mai fatto.
Chiedo ai gentili esperti le possibili conseguenze, ho un pò di paura poichè si leggono anche di persone che sono scomparse per Shock anafilattico proprio durante il test. E' una conseguenza che può verificarsi così frequentemente? I laboratori sono normalmente provvisti di adrenalina nel caso si verifichi lo shock?

Inoltre, una volta che dal test si scopre quale sia la causa del mio problema, come è possibile evitare l'agente che lo produce? Forse con antistaminici per via orale?
Stavo pensando che la causa potrebbe essere battereologica poichè inizialmente non mi sono lavata gli occhi.

Grazie a chi vorrà darmi qualche informazione.

Saluti

Elisabetta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Non esistono controindicazioni ai test allergologici nel suo caso e neanche ad una eventuale immunoterapia se ce ne fosse la necessità.
Potrebbe infatti esserci un problema di congiuntivite allergica e potrebbe essere utile una immunoterapia specifica, i cortisonici e antistaminici curano i sintomi, forse sarebbe utile anche qualche collirio antibiotico.
Lo shock anafilattico, durante l'esecuzione dei test allergici, è rarissimo e spesso ne parla solo chi non ha esperienza nel settore.