Utente 201XXX
Buongiorno.
Vorrei chiedere un consulto su mia madre (73 anni).
Recentemente le è stato diagnosticato un possibile Alzheimer lieve in attesa dei test cognitivi per la memoria che farà a ottobre dopo che da diversi mesi lamentava problemi di memoria recente. Per un mese le è stato dato il Memac (5 mg) e il Citalopram (prima 10, poi 15 gocce), e l’unico altro medicinale da lei preso è il Tenormin per la pressione la mattina (1/2 compressa). Il piano terapeutico è stato modificato alla visita neurologica di controllo e le dosi sono state aumentate, Memac 10 mg e Citalopram 1 compressa (pari a 20 gocce) che prende quindi da poco.
Da un paio di settimane notiamo che tutte le mattine, prima ancora di prendere le medicine, accusa grande spossatezza, forte dolore dietro la testa come per una forte cervicale, nausea, a volte capogiri.
Il neurologo ci ha rassicurati sul fatto che questi sintomi non sono dovuti all’aumento delle dosi dei medicinali, tuttavia ormai ogni mattina trascorre quasi tutta la stessa a letto con i suddetti disturbi. Alcune volte, in aggiunta a questi sintomi, lamenta anche un improvviso freddo in tutto il corpo (infatti bisogna coprirla con diverse coperte) anche se lei stessa non è fredda al tatto ma a temperatura normale, più una strana sensazione che lei definisce come di acqua fredda che le scorre improvvisamente dalla testa ai piedi (che lamenta ormai da mesi in maniera casuale, una volta ogni diversi giorni, ma nessuno ha mai saputo spiegarci), affanno, dolore retrosternale, nausea.
La pressione è sempre nella norma, forse alcune volte un po’ più alta la massima. Abbiamo notato però che spesso il numero di battiti cardiaci è un po’ basso, dai 55 ai 63 circa.
Passate alcune ore, tutto termina e nel pomeriggio sta di nuovo bene.
Questi sintomi possono essere forse dovuti alla malattia o potrebbero dipendere da qualche problema cardiaco? A febbraio aveva già eseguito la Tac alla testa, l’ecodoppler carotideo e l’ECG ma tutti con esiti negativi. Ci è stato detto di effettuare nuovo ECG con visita per escludere problemi cardiaci ma ci è stato anche detto che questi sintomi sono dovuti alla malattia di Alzheimer. Invio questo consulto sia alla sezione cardiologia che neurologia.
Grazie. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
per escludere del tutto, la causa cardiologica, come possibile causa della sintomatologia descritta, sarebbe utile praticare almeno un Holter ECG.
Saluti