Utente 294XXX
Egregi medici specialisti anche questa volta mi rimetto ai vostri mirati consigli.
come potete vedere dai precedenti la maggior parte dei consulti riguardano mia nonna : 84 anni impianto pmk giugno 2011 causa malattia al nodo del seno a seguito di una sincope.
Sono passati diversi mesi e mia nonna alterna il suo stato di salute in modo impressionante mi spiego,per brevi periodi sembra star bene ma poi improvvisamente riappaiono le sintomatologie che erano presenti prima dell'impianto di pmk.

spesso lamenta astenia,si stanca facilmente e lamenta spesso stordimento e sonno.
Il suo male "peggiore" cosi come lo definisce lei sono le sue gambe poichè si sente mancare a causa della mancanza di forze proveniente dalle ginocchia in giù.
Costretta a sedersi o a sdraiarsi per far sparire i sintomi.

L'ultimo controllo pacemaker è andato molto bene ( prossimo controllo a dicembre )
le analisi del sangue effettuate a marzo andavano bene salvo azotemia leggermente alta e qualche doloretto anginoso tenuto sotto controllo con almopidina.

Cos'altro può essere? abbiamo chiamato il cardiologo che verrà nella prossima settimana ma francamente anche lui non sa più cosa fare.

Mi domandavo.. Visto l'umore poco attivo,il senso di stordimento e la mancanza di forze, potrebbero dipendere da una depressione?
a giugno 2011 venne visitata da un angiologo perchè fu costretta a letto da una flebite da allora mise calze elastiche e fece una serie di seleparina.

Cosa possiamo fare? ...

grazie di cuore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Comprenderà che è difficile darle una opinione affidabile sapendo solo poche cose riguardo la paziente, ad esempio non si ha idea quale sia la sua funzione ventricolare sinistra, etc,
L azotemia elevata suggerisce che la paziente assuma forti dosi di diuretici o che sia in qualche modo disidratata, ma anche per questo argomento non fornisce dati numerici ne' la terapia in atto, a parte l amlodipina
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2007
Mi scuso per i mancati dati

PLT 141 ( ha sempre avuto questo livello di piastrine e le è stato sempre detto che è un valore trascurabile )

MONOCITI 10.1

VES 19

AZOTEMIA 56

UROBILINOGENO 1.0

I livelli di colesterolo non sono evidenziati con asterischi ma vorrei una vostra opinione

COLESTEROLO 135

HDL 63

LDL 72

TRIGLICERIDI 45


Storia clinica : paziente di 83 anni con artrosi,ipertesa ricoverata in UTIC
per sincope con BAV di II grado tipo I .

impiantato PMK bicamerale AAI-DDD stimolazione 70-120 bmp. ritmo spontaneo fc 87 bpm . AV stimolato : 180 msec. Si isola vena cefalica sinistra e si introducuno 2 elettrocateteri A e V in SIV e RVA con buoni parametri elettrici

ecocardiogramma : del 09/06/2011

ventricolo sx di normali dimensioni endocavitarie con ipertrofia parietale concentrica marcata.
normale cinesi globale e segmentaria. FE conversata. Calcificazione parcellare del lembo posteriore mitalico con insufficienza mitralica lieve-moderata.Insufficienza tricuspidalica media. Dilazione biatriale. Ventricolo destro di normali dimensioni e cinesi segmentaria,Non versamento pericardico.


terapia :

lansoprazolo al mattino
congescor 2,5 mg due volte al giorno ( mattina sera ) ;
cardioaspirina a pranzo;
almopidina 5 mg la sera
torvast 25 mg la sera

grazie infinite e cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi pare che la signora abbia degli ottimi esami e sia sottoposta ad una buona terapia.
Si ricordi sempre che ha 84 anni....
È buon senso
Cordialità
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2007
Dottore io la ringrazio per le sue continue consulenze ,per la sua professionalità ma sopratutto per farmi restare con i piedi per terra per via dell'età di mia nonna che purtroppo inconsciamente non riesco ad "accettare" Grazie davvero Dottore.

Ritornando agli esami, quindi direi che potremmo considerare il fattore "psicologico" oltre naturalmente la sua età e ciò che comporta.

Grazie ancora

simone
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Penso che il fattore psicologico, come le lo chiama, debba essere ipotizzato per lei che non riesce ad accettare che l vita media in Itlia sia 76 anni per l'uomo e 78-79 per la donna, e che quindi qualche defaillance dell'anziano debba essere compresa senza stupore o preoccupazione.
arrivederci
cecchini