Utente 249XXX
Gentilissimo dottore le scrivo per chiederle chiarimenti riguardo una anomalia congenita riscontrata alla nascita al mio piccolo bambino.Le racconto la mia storia:mio figlio nasce di 36 settimane con parto naturale;subito dopo viene ricoverato al tin per distress respiratorio e qui vi rimarrà per circa 15 giorn al termine dei quali sarà dimesso essendoci stata la completa risoluzione del problema. Durante una routinaria visita cardiologica gli viene però riscontrato un piccolo DIA così che ci fissano un controllo a tre mesi per poterne valutare l' evoluzione. Per una maggiore precisione le scrivo ciò che è riportato nel referto rilasciatoci in seguito a quest' ultimo controllo:

Esame obiettivo: colorito roseo, toni netti, soffio sistolico 1/6, polsi femorali presenti
ECG: ritmo sinusale pr 140.......PR - QT nei limiti.....Ritardo branca dx incompleto
Ecocardiogramma: dal referto risultano tutti i parametri (difficile interpretare la calligrafia della dottoressa) nella norma ad eccezione di: Piccolo Dia tipo FOP ( 2.6 mm) con lievissimo shunt sx→dx senza alcun impegno emodinamico.
Crontrollo: al compimento di un anno del bimbo.

Mi preme inoltre farle sapere che, mio figlio, dimesso con un peso di 2.780 Kg oggi, a quattro mesi esatti, pesa 6.9 Kg, mangia, cresce bene ed è un bimbo sereno. La cardiologa che l'ha visitato mi ha detto di stare tranquilla e non ha escluso che il problema si possa risolvere da sé.
I miei dubbi allora sono: è davvero un'anomalia così frequente? Se dopo 4 mesi non si è ancora chiuso devo preoccuparmi? Potrebbe peggiorare il quadro ecografico? Potrebbero esserci conseguenze in futuro?
E soprattutto sarebbe opportuno fare un altro controllo prima del compimento di un anno di età?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la presenza di un foramen ovale pervio alla nascita e nel primo anno di vita, è un reperto di frequente osservazione in epoca neonatale e tende con la crescita corporea e cardiaca a chiudersi. Le indicazioni avute, ovverossia di controlli a distanza, senza eccessive preoccupazioni è più che giusta.
Saluti